Associazione Città Futura - Logo
Comune e attualità alessandrina
Delmo Maestri e l’Alessandria di una volta
Elvio Bombonato

All’inizio del 1973, con il Movimento di Cooperazione Educativa all’apice, Delmo Maestri, Assessore alla P.I.Cultura e Teatro, riuscì, come solo lui sapeva fare, a catturare Gianni Rodari. Venne in Alessandria, sala stracolma, gente in piedi; Delmo era un omone, Gianni piccolo e minuto, con uno sguardo vivissimo. Il tema della conferenza era “LA GRAMMATICA DELLA FANTASIA”, appena uscito da Einaudi, che sarà la guida di generazioni di insegnanti della scuola dell’obbligo e delle magistrali. Un libro strano: 45 capitoletti, in cui Rodari alternava coltissime dissertazioni teoriche a racconti delle sue visite nelle classi elementari, chiamato dalle maestre (c’era una lista di attesa) in cui inventava una storia insieme ai bambini. Ricordo che due anni prima, a Roma, avevo firmato una petizione contro un direttore, appoggiato dal Comitato dei Genitori, i quali, poiché Rodari era un ex redattore di “Paese sera”, gli vietò di entrare. Aveva appena vinto il Premio Andersen, il Nobel della letteratura per l'infanzia.

Rodari parlò di una gita in montagna con la figlioletta Paola, e amici con i loro pargoli. L’argomento dell’andata fu la cacca, descritta e sviscerata in tutte le sue possibilità. Si saranno divertiti più gli adulti dei piccoli, entusiasti. Poi raccontò una storia bellissima dal libro: “Luce e scarpe”, quindi: “Che cosa succederebbe se”, esaltando l’errore creativo dei bambini: “sbagliando s’inventa”. “Molti errori dei bambini sono creazioni autonome, utili ad assimilare una realtà sconosciuta”, “Gli errori fanno ridere, per cui bisogna ridere degli errori”. Giancarlo Bertolino ne scrisse un acuto saggio su “Quaderno di scuola”, rivista diretta da Giuseppe Amadio, n. 13, maggio ’81. Il miglior studio su Rodari è quello del docente universitario genovese Pino Boero, “Una storia tante storie”, Einaudi, Torino, 1992. Applausi scroscianti; Delmo visibilmente soddisfatto.

In prima media al “Vivaldi”, assegnai il tema in classe. “Cosa succederebbe se un coccodrillo si presentasse a Scommettiamo”. Un amico sociologo li lesse, ne scelse tre (Daniela Alini, Luca Raina, Gian Luca Roasio), pubblicandoli sull’autorevole rivista “ALTRIMEDIA” di Milano, n. 15, 1978. Ho spesso usato il consiglio di Rodari: l'esercizio “Cosa accade dopo”, il quale può essere applicato a tutti i romanzi e film, dall’Odissea (ci ha pensato Dante), alla Mandragola, a Una questione privata, ai western (l’eroe tornerà?).

Intanto Delmo guardava, col suo sorriso longobardo, Rodari, come il filologo dell’opera di Bandello guarda il redattore del “Corriere dei piccoli”.

Ci fu un bel dibattito; io, pur ammirando il genio, espressi il mio dissenso sulla valutazione positiva che Rodari aveva dato della seria rivista cattolica “Orientamenti pedagogici”. Avevo 26 anni e insegnavo alla scuola media di Ticineto. Rodari mi guardò con benevolenza, capì che il mio scopo era fare il bastian contrario, e di fatto non mi rispose. Il mio amico Fulvio Quattrocchio (allora maestro, oggi Dirigente Scolastico) mi fece notare che il mio intervento gli era parso confuso.

Finita la serata, la cena, in una pizzeria che definire modesta, come peraltro l’albergo trovato per il relatore (non usava ancora la permanenza presso gli eccellenti “Buoi rossi”), è un eufemismo, Delmo, il quale non mi aveva mai visto prima e non sapeva neppure il mio nome, mi invitò; eravamo pochi, e Rodari, abituato alle trattorie romane, si scatenò, parlando con Delmo della scuola italiana.

Alla fine della cena, Delmo mi chiese se volevo entrare nella costituenda “Commissione Biblioteca del Comune”, che aveva lo scopo di elaborare un progetto per farla rinascere. Ne fecero parte il direttore della biblioteca di Alessandria, dott. Antonio Panizza, il prof. di ragioneria Ettore Regalzi, sabaudo rappresentante del PLI, il prof. Guido Ratti, esperto di biblioteconomia, e io.

Pochi mesi dopo venne Umberto Eco, a presentare “Il costume di casa”, contenente il celeberrimo “Elogio di Franti”, che è soprattutto una critica della scuola italiana ai tempi del “Cuore” di De Amicis. Folla incredibile, tifo da stadio: Eco era geniale nel catturare il pubblico con la sua dialettica degli opposti.  Stessa pizzeria, ove Eco si mise a scrivere i suoi geroglifici enigmistici sulla tovaglia di carta, rimbrottato con fare paterno da Delmo, il quale gli impose: smettila di pasticciare stupidaggini. Eco annuì, e si mise a parlare di Parigi, dove conosceva tutti quelli come lui. Mi preme ricordare che proprio alla biblioteca di Alessandria Eco si fermò alcuni giorni per scrivere una parte di “Come si fa una tesi di laurea” Bompiani, Milano, 1977, uno dei suoi capolavori.

La commissione, che operava a titolo gratuito, si riunì alcune volte, finché nell’ottobre ’73, Maestri, inviso al centralismo democratico dell'allora PCI, si dimise da Assessore.

Ma lo ricordo, inferocito, quando nel febbraio del 1978 alcune scolaresche furono portate nel nuovissimo Teatro Comunale, di cui era il Presidente, e si comportavano male: carte e cibo per terra, gomme americane appiccicate dovunque, scavalcamento delle poltrone ecc. IL problema del rapporto Teatro-Scuole lo affrontò da par suo Nuccio Lodato (“Quaderno di Scuola n.8, 1979). Maestri era tra le tende all’ingresso della sala, 1200 posti, gremita; come una furia si lanciò sul palcoscenico, battè più volte i piedi sul legno, rosso di rabbia, con le vene del collo e gli occhi in fuori. Ottenuto subito silenzio, rimproverò la platea con un tono che spaventò persino gli insegnanti e il personale. La proiezione del film, credo “L’albero degli zoccoli”, iniziò e proseguì in un silenzio totale, mentre il sergente di Kubrick camminava nel buio al bordo delle file, stringendo i pugni. Caspita, che forza. Chissà in Consiglio Comunale. Avercene ancora di intellettuali così.

Grazie Delmo, per quello che hai dato alla scuola e alla città.                                     elvio bombonato

02/10/2017 19:37:51
comments powered by Disqus
20.03.2018
Dario Fornaro
Da non crederci. Vent’anni fa si cominciò a discutere – con qualche ragionevole prospettiva - di come “valutare lo stato di conservazione, gli interventi necessari e le possibili ipotesi di utilizzo della Cittadella di Alessandria” che “sarà in un prossimo futuro dimessa dalle Forze Armate”. Così...
 
11.03.2018
Claudio Lombardi
Alessandria sperimenterà una soluzione rivoluzionaria che abbatterà le pericolosissime polveri sottili (PM10,2,5 etc) rendendo aria di alta montagna la mefitica aria che in certi periodi dell’anno respiriamo nella nostra città. Si tratta di fioriere che posizionate in vari punti assolveranno a questa...
04.03.2018
Dario Fornaro
Verso la fine del settembre scorso commentavamo – sotto il titolo “Calma piatta” - i primi mesi della nuova Giunta comunale. Il titolo alludeva ad una situazione di fatto e non celava, in allora, nessuna critica; anzi trapelava un certo apprezzamento per un esordio meno polemico e stralunato di...
 
26.02.2018
Angelo Marinoni (*)
​La recente inchiesta del giornale “Il Piccolo” di Alessandria pubblicata il 23 febbraio scorso circa le criticità del comparto ferroviario alessandrino è lodevole in quanto affronta un tema storicamente sottovalutato dalla classe dirigente, ma impone alcuni commenti e riflessioni.Nella pagina dedicata...
20.02.2018
Dario Fornaro
Abusiamo del titolo lapidario di Jane Austen, ma, nel seguito di questa nota, mentre per l’orgoglio siamo in linea di significati, per il pregiudizio il discorso si articola un po’ diversamente Necessita cioè di significativi adattamenti alla vicenda della Borsalino degli ultimi decenni, con relativo...
 
20.02.2018
Giancarlo Patrucco
Qualche giorno fa ero in un bar con un amico. Ogni tanto ci ritroviamo lì, un po’ perché è vicino al centro cittadino, un po’ perché ci siamo abituati così. In fondo ci sono tavolini e poltroncine: ci sediamo e chiacchieriamo tra caffè e dolcetti, come si addice a pensionati quali siamo noi. Mentre stiamo...
07.02.2018
Dario Fornaro
Catafalco denomina, in senso proprio, la base di sostegno della bara, esposta in chiesa o nella civile camera ardente. Normalmente minimale, ormai, ma con importanti trascorsi di luttuosa, barocca scenografia. Di qui, probabilmente, il senso figurato e popolare del termine catafalco per alludere ad...
 
21.01.2018
Dario Fornaro
Il “secondo ponte” sulla Bormida riveste da tempo per l’alessandrino – città e ampi dintorni – caratteri di chiara necessità per la sicurezza e la fluidità dei traffici, ma, ad un tempo, l’argomento registra anche un andamento carsico: ogni tanto se ne parla, poi lunghi silenzi, poi se ne riparla…...
08.01.2018
Dario Fornaro
Al villan non far sapere.. ... Il Centrodestra alessandrino – in sella da sei mesi a scapito dell’uscente Centrosinistra - sta cominciando a sperimentare sulla sua pelle una sorta di destino meta-politico che colpisce tutte le Amministrazioni in carica, indipendentemente dalle insegne inalberate. Se...
 
02.01.2018
Dario Fornaro
La vicenda recente della Borsalino, con il fallimento – prima temuto, poi dichiarato - di una Società che dal punto di vista industriale e commerciale starebbe, a quanto si dice, decorosamente in piedi, ha destato comprensibili sconcerto e preoccupazione per i prossimi “atti” che il procedimento...
Segnali
Alessandro Gassman e Marco Giallini sul grande schermo ...
Al Teatro Sociale tornano i tanto attesi appuntamenti del Sabato Pomeriggio in Famiglia quest'anno una...
Segnaliamo un articolo comparso sulla rivista economiaepolitica.it in cui si sostiene la tesi che le...
Segnaliamo un interessantissimo articolo di Rosa Canelli e Riccardo Realfonzo sulla crescente disuguaglianza...
Il Forum dei Movimenti per la Terra e il Paesaggio annuncia che il Gruppo di Lavoro Tecnico-Scientifico...
Segnaliamo un interessantissimo articolo del prof. Felice Roberto Pizzuti docente di Politica Economica...
I MARCHESI DEL MONFERRATO NEL 2018 Si è appena concluso un anno particolarmente intenso di attività,...
Stephen Jay Gould Alessandro Ottaviani Scienza Ediesse 2012 Pag. 216 euro 12​ New York, 10 settembre...
Segnaliamo un interessante articolo comparso sulla rivista online economiaepolitica http://www.economiaepolitica.it/lavoro-e-diritti/diritti/scuola-sanita-e-servizi-pubblici/servizio-sanitario-nazionale-a-prezzo-regionale-il-paradosso-del-ticket/...
Segnaliamo, come contributo alla discussione, un interessante articolo comparso sul sito “Le Scienze.it” Link:...
Il Circolo Culturale “I Marchesi del Monferrato” presenta il suo nuovo progetto per il 2018: le celebrazioni...
Segnaliamo un interessante articolo comparso sulla rivista online economiaepolitica http://www.economiaepolitica.it/politiche-economiche/europa-e-mondo/la-ripresa-e-lo-spettro-dellausterita-competitiva/...
DA OGGI IN RETE 2500 SCHEDE SU LUOGHI, MONUMENTI E PERSONAGGI A conclusione di un intenso lavoro, avviato...
Segnaliamo il libro di Agostino Spataro, collaboratore di Cittàfutura su un argomento sempre di estrema...
Memoria Pietro Ingrao Politica Ediesse 2017 Pag. 225 euro 15 Ha vissuto cent’anni Pietro Ingrao...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.