Associazione Città Futura - Logo
Ambiente
Riflessioni preoccupate riguardo il Piano Regionale Rifiuti 2015
Pietro Claudio Cavallari

Premessa 

Predicare bene, va bene, ma il razzolare non pare coerente, anzi…

Abbiamo esaminato le 300 pagine di proposta di nuovo Piano Regionale Rifiuti ed individuato molte criticità e lacune.

Nel merito rileviamo che 18 anni sono passati senza che la Regione Piemonte abbia assolto ai suoi impegni ovvero il dettare le regole di gestione rifiuti e questo ci pare una grave carenza! Poi comprendiamo e sappiamo che neppure gli altri enti cioè Province e Comuni si sono attivati come da “obblighi” derivanti dalle leggi in vigore e quindi sono stati tutti “fuorilegge”!

 

Tematiche fondanti ed orientanti:

1)      In Italia sono oramai numerose le istituzioni, a tutti i livelli, che si orientano e deliberano scelte “verso rifiuti zero”. In questo documento tale obiettivo pare non essere presente! Eppure sia dalle normative Europee citate sia quelle ignorate appare evidente la tendenza, si cita l’importantissimo concetto strategico, in svolgimento ed ancor più in divenire riguardante “l’economia circolare”.

Eurodeputati per l’economia circolare Venerdì 10 Luglio 2015 07:30

Con 394 voti a favore, 197 contrari e 82 astensioni è stata approvata giovedì  scorso (9 luglio) dal Parlamento europeo la risoluzione sull’efficienza delle risorse e la transizione verso un’economia circolare. nel documento si chiede alla Commissione di fissare entro la fine di quest’anno obiettivi     vincolanti per aumentare l’efficienza delle risorse del 30% entro il 2030, rispetto al 2014, con l’obiettivo di aumentare il PIL di quasi l’1% e creare 2 milioni di nuovi posti di lavoro sostenibili. Si va dall’ecodesign all’obiettivo “zero rifiuti in discarica”, dalla sostenibilità degli edifici allo sviluppo dei mercati per le materie prime secondarie

“Si tratta di un cambio di paradigma, un cambiamento sistemico che ci troviamo di fronte, così come un enorme, nascosta, opportunità economica - ha commentato  la deputata Sirpa Pietikäinen (EPP, FI), relatrice della proposta -. Ed è possibile compierlo solo aiutando a emergere un nuovo ecosistema di business”.

I deputati sostengono che nuovi obiettivi vincolanti in materia di riduzione dei rifiuti consentirebbero di creare 180.000 posti di lavoro. Invitano quindi Bruxelles a presentare una nuova proposta entro il 2015, che proponga obiettivi vincolanti di riduzione dei rifiuti e la riduzione graduale di tutti i tipi di smaltimento in discarica.

E sono obiettivi ambiziosi: riciclaggio e preparazione per il riutilizzo estesi ad almeno il 70% dei rifiuti solidi urbani e all’80% dei rifiuti di imballaggio riciclati, sulla base di un efficace metodo di rendicontazione che impedisca di indicare rifiuti smaltiti (mediante collocamento in discarica o incenerimento) come rifiuti riciclati.

Inoltre, si invita la Commissione ad imporre una rigorosa limitazione degli inceneritori, con o senza recupero di energia, ai rifiuti non riciclabili e non biodegradabili, entro il 2020, nonché la  riduzione vincolante e graduale di tutti i tipi di smaltimento in discarica, coerentemente con gli obblighi di riciclaggio, in tre fasi (2020, 2025 e 2030), fino a raggiungere un divieto completo per le discariche, fatta eccezione per determinati rifiuti pericolosi e rifiuti residui per i quali la discarica rappresenta il metodo di smaltimento più ecologico.

Si è inteso che la materia, il suo recupero massimale, diventa fattore strategico in un pianeta “finito” come risorse, ma in continua emergenza rispetto alla carenza di risorse rinnovabili e non. Senza dimenticare la crescita demografica ed il notevole incremento dei consumi che comporta.

Come si completa la rivoluzione dei rifiuti? Lo si fa replicando le buone pratiche di gestione, costruendo tanti impianti finalizzati alle attività di riciclaggio e riuso, facendo diventare il ciclo dei rifiuti gerarchico anche sotto il profilo dei costi: serve un nuovo sistema di incentivi e disincentivi per fare in modo che la prevenzione e il riciclo siano più convenienti, anche economicamente, rispetto al recupero energetico e allo smaltimento in discarica.

 

2)      Un orientamento limitato, scarsamente proattivo lo si riscontra nella definizione dell’obietto di Riduzione/Prevenzione – vs pag 125 “Riduzione della produzione rifiuti - del 5% della produzione di rifiuti urbani per unità di Pil rispetto al 2010.        In Regione Piemonte si ritiene che gli effetti siano in grado di permettere          il raggiungimento di un valore pro capite di produzione pari a 455 kg.                                                                                                                                                           Non si comprende se questa scelta sia una svista o chissà cosa – dai dati pubblicati sul BUR della Regione Piemonte leggiamo che già nel 2013 si era giunti a 450 t/a/ab. Questa situazione appare almeno imbarazzante, se non fosse un errore evidente – saremmo davvero preoccupati. Già un meno 5% pare molto scarso, altre regioni sono giunte a proporsi un – 25%, se poi si usa il trucco di parametrarsi al 2010 l’orientamento si svela.

3)  Altra evidenza è relativa alla Raccolta differenziata: si presenta come grande obiettivo il raggiungimento del 65% nell'anno 2020: ebbene tale risultato doveva essere raggiunto al termine del 2012 (legge nazionale 152/06). Di più e peggio; da un incontro con il Presidente Chiamparino sulle tematiche dell’art. 35 dello “Sblocca Italia” (i famosi 12 nuovi inceneritori, fra questi uno nuovo, oltre quello di Torino), ci è stato detto che l’obiettivo RD poteva crescere al 70%...ma…i conti non tornano. La città di Torino rappresenta circa un quarto di quella regionale – ebbene a Torino la RD è al 41% con poche prospettive di crescita (deve nutrire l’inceneritore), quindi per raggiungere quel 70% di RD tutto il resto del Piemonte dovrebbe crescere al 90%...non crediamo ai miracoli!!!

4)  Intendono trasformare tutti i TMB presenti sul territorio come impianti per la produzione di CSS (combustibile derivato dai rifiuti da bruciare nei cementifici).

Noi, al contrario, ben sapendo che esiste una grave carenza primaria sosteniamo che i TMB vengano trasformati uin impianti di compostaggi.
Governo e democrazia – vs testo pag 7 “La legge regionale n. 7/12 prevede che il territorio regionale sia articolato in 4 Ambiti Territoriali Ottimali”  sarebbe stato utile citare anche la delibera di Giunta 2 agosto 2013, n. 50-6253 ove si delineano i parametri per la formazione dei Sub-ambiti – ovvero quelli che Voi chiamate ” aree territoriali omogenee”. Sono in corso diversi tentativi di riorganizzare i vecchi Consorzi, oramai DECADUTI, come le precedenti ATO del resto. In buona parte quegli organismi che per autoreferenzialità ed interesse si erano configurati come “Centri di potere” e che intenderebbero proseguire ad operare nelle loro torri d’avorio – ciechi e sordi alle istanze della cittadinanza. Al proposito si allega Esposto alla Corte dei Conti circa la legittimità degli enti ATO e Consorzi che ancora operano.

Ma i “sub-ambiti o Aree territoriali omogenee non devono/possono prescindere dalla “democrazia partecipativa!” 

   4 ) Le condizioni e le situazioni che si sono modificate nel tempo o che si modificheranno non devono essere un vincolo per la realizzazione degli obiettivi richiesti dall’Europa e dai limiti del nostro Pianeta.

Chi governa ha il DOVERE di adeguare i piani e le azioni in funzione e in prospettiva delle evoluzioni prevedibili o meno, questo anche in accordo con quanto previsto dall’art 29 della direttiva 208/98/CE, che chiede di: dissociare la crescita economica dagli impatti ambientali connessi alla produzione di rifiuti.

Solo attraverso lo sviluppo di strategie ecosostenibili è possibile generare un reale cambiamento di comportamento, un approccio che vada oltre la sola comunicazione (promotion), riconoscendo la necessità di individuare i benefici che il prodotto (comportamento) è in grado di promettere, gli eventuali oggetti tangibili o servizi che si possono offrire, il costo richiesto per l’adesione al comportamento e le modalità con cui renderlo facilmente accessibile.

14/11/2015 14:44:50
comments powered by Disqus
10.03.2018
Claudio Lombardi
Alessandria sperimenterà una soluzione rivoluzionaria che abbatterà le pericolosissime polveri sottili (PM10,2,5 etc) rendendo aria di alta montagna la mefitica aria che in certi periodi dell’anno respiriamo nella nostra città. Si tratta di fioriere che posizionate in vari punti assolveranno a questa...
 
08.03.2018
ATTAC Piemonte
Olimpiadi, neve e sciamani Il 2026 sembra lontano ma è già incominciato il rollio dei tamburi per invocare nuovamente le Olimpiadi invernali a Torino. Sembra una danza sciamanica della pioggia (di contributi); ma con minor onestà intellettuale degli sciamani (nulla ce ne voglia tale onesta categoria)...
03.03.2018
Antonello Brunetti
A distanza di 27 anni, dalla Presidenza del Consiglio, un rapporto afferma che le tratte TAV in fieri “non sono giustificate dai numeri e che le previsioni sono ormai smentite dai fatti” INUTILITÀ - È demoralizzante constatare che sono occorsi quasi trent’anni da quando il Sole XXIV ore di fine 1991...
 
03.03.2018
Claudio Pasero
Recentemente i media hanno dato la notizia della nuova sperimentazione che la città di Alessandria si appresta a portare avanti per contrastare il drammatico problema dell’inquinamento atmosferico; un dispositivo analogo ad altri “miracolosi” pannelli in grado di assorbire le micidiali polveri sottili...
10.01.2018
Ente Regionale Parco del Po VC - AL
Una bella persona di cui sentiremo la mancanza. Senza di lui non ci sarebbe nè la "Garzaia di Valenza" (dal nome di quei deliziosi uccelli bianchi chiamati "garzette") e non ci sarebbero i parchi fluviali del Po, tutti e tre, non solo quello di competenza valenzana. Un uomo che ha saputo perfettamente...
 
02.01.2018
Pro Natura Regione Piemonte
Sulla base di una segnalazione circostanziata di Legambiente, cominciano a farsi sentire anche altre associazioni ambientaliste preoccupate per quanto sta succedendo a Casale M.to. La possibilità di poter avere un impianto pilota di studio e sperimentazione sull'energia da "fusione nucleare" ha portato...
12.12.2017
Marco Grimaldi
In data 12 dicembre 2017 l’Assessora Pentenero ha risposto all’interrogazione urgente in merito allo stato dei lavori per il contrasto del dissesto idrogeologico.Fonti giornalistiche hanno infatti riportato che al Piemonte servirebbero 759 interventi, per un valore complessivo di quasi un miliardo e...
 
04.12.2017
AFEVA Casale M.to
Vittoria in Brasile: amianto, STOP dalla Corte Costituzionale!Ci è giunta notizia dall'Associazione delle vittime dell'amianto del Brasile e dalla "pasionaria" Fernanda Giannasi che la Corte Costituzionale brasiliana (Supremo Tribunale Federale) ha dichiarato incostituzionale l'uso dell'amianto in Brasile....
30.11.2017
Piero Belletti
Pubblichiamo con piacere la lettera in questione di cui condividiamo contenuti e motivazioni...Sig. Assessore alla Caccia – Regione Piemonte Caro Assessore, quando lo scorso anno fu presentata la proposta di riequilibrare la rappresentatività dei componenti i Comitati di Gestione degli ATC e dei CA...
 
30.11.2017
Eva Sirinathsinghji & Mae-Wan Ho
Il glifosato ha contaminato terra, acqua, aria e il nostro approvvigionamento alimentare; i livelli massimi consentiti sono aumentati di 100-150 volte nell'Unione europea .......e l'ambiente accumula (...ma non smaltisce...). ... L'uso di erbicidi a base di glifosato, in particolare la formulazione Roundup...
Segnali
Alessandro Gassman e Marco Giallini sul grande schermo ...
Al Teatro Sociale tornano i tanto attesi appuntamenti del Sabato Pomeriggio in Famiglia quest'anno una...
Segnaliamo un articolo comparso sulla rivista economiaepolitica.it in cui si sostiene la tesi che le...
Segnaliamo un interessantissimo articolo di Rosa Canelli e Riccardo Realfonzo sulla crescente disuguaglianza...
Il Forum dei Movimenti per la Terra e il Paesaggio annuncia che il Gruppo di Lavoro Tecnico-Scientifico...
Segnaliamo un interessantissimo articolo del prof. Felice Roberto Pizzuti docente di Politica Economica...
I MARCHESI DEL MONFERRATO NEL 2018 Si è appena concluso un anno particolarmente intenso di attività,...
Stephen Jay Gould Alessandro Ottaviani Scienza Ediesse 2012 Pag. 216 euro 12​ New York, 10 settembre...
Segnaliamo un interessante articolo comparso sulla rivista online economiaepolitica http://www.economiaepolitica.it/lavoro-e-diritti/diritti/scuola-sanita-e-servizi-pubblici/servizio-sanitario-nazionale-a-prezzo-regionale-il-paradosso-del-ticket/...
Segnaliamo, come contributo alla discussione, un interessante articolo comparso sul sito “Le Scienze.it” Link:...
Il Circolo Culturale “I Marchesi del Monferrato” presenta il suo nuovo progetto per il 2018: le celebrazioni...
Segnaliamo un interessante articolo comparso sulla rivista online economiaepolitica http://www.economiaepolitica.it/politiche-economiche/europa-e-mondo/la-ripresa-e-lo-spettro-dellausterita-competitiva/...
DA OGGI IN RETE 2500 SCHEDE SU LUOGHI, MONUMENTI E PERSONAGGI A conclusione di un intenso lavoro, avviato...
Segnaliamo il libro di Agostino Spataro, collaboratore di Cittàfutura su un argomento sempre di estrema...
Memoria Pietro Ingrao Politica Ediesse 2017 Pag. 225 euro 15 Ha vissuto cent’anni Pietro Ingrao...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.