Associazione Città Futura - Logo
Il futuro del centro-sinistra
La palude della non-politica
Mauro Calise
Può esserci qualcosa di peggio dell’antipolitica che è diventata, da qualche anno, l’incubo delle democrazie europee? Si, c’è. E in Italia lo stiamo sperimentando. E’ la palude della non-politica. Quel misto di incapacità e impossibilità da parte di tutti i principali partiti a difendere, nei confronti dell’elettorato, la soglia minima di credibilità e autorevolezza. Quella soglia che fa scattare, da un lato, l’affezione e la fiducia dei simpatizzanti e, dall’altro, l’ostilità di coloro che si oppongono a ciò che un dato partito rappresenta. Siamo, cioè, arrivati – quasi - al punto di rimpiangere perfino il ventennio della cosiddetta Seconda repubblica, quando l’unico motore era lo scontro tra berlusconiani e antiberlusconiani. Un motore antiquato che girava, il più delle volte, a vuoto. Ma che è comunque riuscito ad accendere passioni e contrapposizioni anche feroci. E a tenere viva la tensione a discutere, a partecipare. La tensione senza la quale una democrazia è destinata a spegnersi.

Oggi, è questo che fa più paura. Lo spettacolo di un sistema politico che ha smarrito le coordinate elementari – destra, sinistra, centro frantumate nel frullatore grillino e nelle diaspore interne di quelli che un tempo erano i poli portanti del regime dell’alternanza. Un sistema che, accanto alla bussola spaziale, ha perso anche quella personale, orfano delle personalità che fino a ieri erano riuscite a surrogare il vuoto dei grandi partiti. Berlusconi che non tramonta mai, ma è ben lungi dal riuscire a risorgere, Grillo che ormai non si capisce se fa il burattinaio o il burattino. E Renzi che appena un anno fa sembrava destinato a governare a tempo indeterminato. E oggi è costretto sulla difensiva, nascondendosi con schermaglie verbali per non bruciarsi l’ultima chance di ritornare a Palazzo Chigi.

A peggiorare – se possibile – la situazione c’è la sensazione crescente che l’impasse della politica tracima – e degenera – nella deriva di una società che non ha più ancoraggi istituzionali. La gazzarra violenta dei no-vax, la capitale senza acqua e trasporti, gli incendi che hanno devastato la penisola sono purtroppo fenomeni diffusi nella vita contemporanea. Ma, in altri tempi e condizioni, sarebbero stati messi subito all’indice, contrastati, ridimensionati. Oggi, invece, appaiono lo specchio di una polis che non si tiene più insieme. E – quel che è peggio – non sa intravedere meccanismi o idee per svoltare.

Purtroppo, era stato previsto. La sconfitta del progetto renziano di riforma costituzionale ha lasciato terra bruciata. Bruciato è il campo del Si, privo del suo condottiero che ne era il solo, vero collante. E che ancora non si sa per quanto tempo sarà costretto a rimuginare il passato, e a difendersi dai congiurati che non smetteranno di provare a farlo definitivamente fuori. Ma bruciato – ancor più profondamente – è il campo del No. Che si è dissolto subito idealmente, ma ha lasciato una scia politica di fantasmi resuscitati. Partitini del 2 e 3 per cento che rimpinguano i talk-show e risbattono il dibattito pubblico indietro di quarant’anni.

E il paradosso – la ciliegina esplosiva sulla torta – di questa palude – politica, istituzionale, morale – è che, salvo miracoli, oggi stiamo comunque meglio di come staremo all’indomani del prossimo appuntamento elettorale. Oggi possiamo ancora contare su un governo che trova la sua forza proprio nella propria debolezza. Nel fatto, cioè, di essere a breve, anzi a brevissimo termine, e di non avere alternative. Ma cosa succederà in primavera? L’unica certezza è che, al posto di un trionfatore politico, avremo uno - anzi numerosi - (pseudo) vincitori aritmetici. Vale a dire, ci ritroveremo alle prese con un balletto di percentuali che il povero Capo dello Stato avrà il compito di dipanare. A chi toccherà l’incarico? Al partito col maggior numero di voti – presumibilmente i cinquestelle – ma incapace di fare coalizioni? A quello, invece, che pur con meno voti – Berlusconi e la sua Forza Italia – potrebbe vantare un’alleanza già collaudata in passato, sommando i propri voti alla Lega? O spetterebbe al Pd di Renzi che, trovandosi in posizione centrale, potrebbe almeno coltivare l’illusione di rabberciare una maggioranza nelle due camere del parlamento? 

Il lettore, a questo punto, avrà capito che, comunque dovesse finire, finirà abbastanza male. E, forse, non finirà proprio. Nel senso che, probabilmente, torneremo di nuovo alle urne. Ecco, è questa la chiave del malessere che tutti avvertiamo. Sappiamo che il paese è malato. Ma sappiamo anche che nessuno, al momento, ha una ricetta per curarlo.

 

                                                                                    (“Il Mattino”, 30 luglio 2017)

31/07/2017 21:31:48
comments powered by Disqus
17.03.2018
Danilo Bruno
Ieri (il riferimento è al 14 marzo u.s.), a stare alle cronache di stampa, il ministro allo sviluppo economico e neo-PD Calenda,che era presente a Bari con Prodi a presentare il libro di Giovannini sull’utopia sostenibile, avrebbe pronunciato, tra le altre cose, una importante affermazione: “ Serve un...
 
14.03.2018
Mauro Fornaro
Qualche riflessione, più di carattere psicologico che non politologico, sul crollo del PD da parte di un “vecchio” simpatizzante. Classe dirigente e molti militanti del PD sembrano al momento essersi arroccati sulla difensiva, sia a seguito degli attacchi insistenti e insolenti della Lega e del M5S nel...
13.03.2018
Mauro Calise (*)
Inutile, per il momento, affacciarsi sul crogiuolo della crisi in corso. Troppe incognite ancora da sciogliere. E, soprattutto, troppe spavaldissime mosse tattiche che dovranno cedere il passo a più miti consigli – e consiglieri – strategici. Ma, quale che sarà la soluzione che alla fine prevarrà,...
 
12.03.2018
Egidio Zacheo
C'è smarrimento nel Partito Democratico e a sinistra. La loro sconfitta è stata bruciante . Ma mentre quella del PD da molti - diciamolo- era stata prevista da tempo, anche se non nelle proporzioni verificatesi, una sorpresa generale ha destato quella di " Liberi e Uguali". Vi è stata una polarizzazione...
12.03.2018
Goffredo Bettini
"Articolo proposto dal Cives Pier Luigi Cavalchini" Abbiamo subito una sconfitta storica. Infatti, se ragioniamo su un arco temporale ampio, balza agli occhi il rovesciamento di una anomalia italiana. Negli anni '70 l'anomalia consisteva nella forza elettorale di una sinistra comunista e socialista...
 
10.03.2018
Franco Livorsi
Nel mio articolo del 28 febbraio ultimo scorso, “L’Italia congelata” - scritto pochi giorni prima delle elezioni politiche - motivando il mio voto a favore del PD - di cui ero e sono totalmente convinto - esprimevo tutta la mia preoccupazione per la tenuta della democrazia liberale e rappresentativa...
09.03.2018
Filippo Boatti
La disfatta, questa volta finale, della sinistra era purtroppo prevedibile e inevitabile, inevitabile perché la sinistra non ha saputo né voluto reagire alla gabbia che le impedisce di sussistere. Certo si può chiamare in causa una “questione morale” interna alla sinistra. E’ un fatto vero, il mancato...
 
08.03.2018
Alfio Brina
I vari politologi fanno risalire al comportamento un po’ guascone di Matteo Renzi, le cause della sconfitta elettorale di questo 4 marzo 2018. Un uomo solo al comando attorniato da fedelissimi, sicuramente toscani e possibilmente fiorentini, Poi il modo irriverente, per non dire sguaiato con cui è...
07.03.2018
Carlo Clericetti (*)
Il seguente articolo comparso sul blog di "repubblica.it" curato da Carlo Clericetti è segnalato (e proposto alla lettura) dal civis Filippo Boatti....​Due indagini del dopo-elezioni confermano quello che chiunque abbia osservato con un po’ di attenzione quello che accade aveva già capito, e che conferma...
 
07.03.2018
Giuseppe Rinaldi
1. Dopo tanto impegno e tanti sacrifici, il risultato tanto sperato finalmente è arrivato. Finalmente abbiamo perso.[1] E non poteva che essere così. Siccome siamo stati particolarmente in gamba, abbiamo perso anche in maniera pesantissima, inequivocabile, con cifre oltre ogni previsione. Da capogiro....
Segnali
Alessandro Gassman e Marco Giallini sul grande schermo ...
Al Teatro Sociale tornano i tanto attesi appuntamenti del Sabato Pomeriggio in Famiglia quest'anno una...
Segnaliamo un articolo comparso sulla rivista economiaepolitica.it in cui si sostiene la tesi che le...
Segnaliamo un interessantissimo articolo di Rosa Canelli e Riccardo Realfonzo sulla crescente disuguaglianza...
Il Forum dei Movimenti per la Terra e il Paesaggio annuncia che il Gruppo di Lavoro Tecnico-Scientifico...
Segnaliamo un interessantissimo articolo del prof. Felice Roberto Pizzuti docente di Politica Economica...
I MARCHESI DEL MONFERRATO NEL 2018 Si è appena concluso un anno particolarmente intenso di attività,...
Stephen Jay Gould Alessandro Ottaviani Scienza Ediesse 2012 Pag. 216 euro 12​ New York, 10 settembre...
Segnaliamo un interessante articolo comparso sulla rivista online economiaepolitica http://www.economiaepolitica.it/lavoro-e-diritti/diritti/scuola-sanita-e-servizi-pubblici/servizio-sanitario-nazionale-a-prezzo-regionale-il-paradosso-del-ticket/...
Segnaliamo, come contributo alla discussione, un interessante articolo comparso sul sito “Le Scienze.it” Link:...
Il Circolo Culturale “I Marchesi del Monferrato” presenta il suo nuovo progetto per il 2018: le celebrazioni...
Segnaliamo un interessante articolo comparso sulla rivista online economiaepolitica http://www.economiaepolitica.it/politiche-economiche/europa-e-mondo/la-ripresa-e-lo-spettro-dellausterita-competitiva/...
DA OGGI IN RETE 2500 SCHEDE SU LUOGHI, MONUMENTI E PERSONAGGI A conclusione di un intenso lavoro, avviato...
Segnaliamo il libro di Agostino Spataro, collaboratore di Cittàfutura su un argomento sempre di estrema...
Memoria Pietro Ingrao Politica Ediesse 2017 Pag. 225 euro 15 Ha vissuto cent’anni Pietro Ingrao...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.