Associazione Città Futura - Logo
Cinema teatro televisione e musica
Voci dalla collina
Spectator
 

Sabato sera alla Casetta del quartiere Europa si è verificato uno degli eventi teatrali più significativi della stagione: davanti a circa 150 spettatori la rappresentazione di VOCI DALLA COLLINA, azione scenica dall’Antologia di Spoon River della compagnia Max Aub con la regia di Laura Bombonato.

Voglio solo ricordare la rassegna “Voglia di Teatro”, che proseguiva altre analoghe, presso la Ristorazione Sociale, comprendendo 26 spettacoli da fine ottobre 2015 al 26 maggio 2016, alcuni replicati o ripresi, con numerosi ospiti di valore: attori, registi, musicisti: Eleonora Jones Bonzano, DanielaTusa e Andrea Negruzzo, Marlene Pizzo e Marco Marenco, Filippo Gambetta, Eugenio Solinas, Luigi Di Carluccio, Paola Tomalino, Daniele Ceva, Giorgio Penotti e Enrico Ciampini, Alberto Giusta e Antonio Zavatteri, Paolo Scepi e Angelo Repetto, Paolo Archetti Maestri; quest’anno: Ian Bertolini, Mauro Parriniello, Giorgia Cerruti, Andrea Benfante e Anna Giarrocco, Federica Sassaroli, oltre naturalmente agli spettacoli di Laura, e della sua compagnia Max Aub, sopra tutti “Lussuria” alla sala Ferrero con Silvia Belfiore al pianoforte. Tutto organizzato e gestito da sola, senza finanziamenti, prezzo 5 euro, aumentati a 10 in presenza di diritti Siae.

Lo spettacolo “Voci dalla collina” (la cui preparazione è durata sei mesi) è registicamente splendido: geniale l’idea di fare dei 14 attori, tutti vestiti di nero, una processione, aperta e chiusa dai due maschi, che si muove, senza soluzione di continuità, in orizzontale, forma piccoli gruppi, si disfa, si incrocia, talora camminando lentamente talora correndo, in un perenne avanti e indietro. La sala, ampia, era adatta; l’atmosfera plumbea, connotata dal colore del buio, interrotto ogni tanto da piccole lampade, poste in terra nel retropalco, a illuminare tenui l’attore che recitava il proprio epitaffio.

Rispetto al testo, dove ogni personaggio prima di tutto sussurra il suo monologo in prima persona, si eclissa e si passa al successivo, sia pure con continui richiami interni, Laura Bombonato ha optato con forza per la coralità ; i morti sulla collina sono sodali, associati e ancorati dalle proprie storie tristi, tutte diverse e tutte eguali, dando al gruppo coerenza e coesione, mediante la sincronia dei movimenti e il dominante tono di voce sommesso, perché sono i defunti al cimitero che in prima persona sussurrano, non mai declamano, un pezzo della propria vita . Indi continueranno a dormire sulla collina.

Tutti i bravi i 14 attori; ricordo Danilo Seregni, che si staglia statuario nel monologo e guida il gruppo; dall’altro lato Flavio Speranza perentorio nella presenza scenica e nell’eloquio scandito con calma; Cristina Brunetto, l’unica che passa dal sussurro al registro in progressione più acuto; perfetta Simona Serra, dal volto ispirato, allargato dai riccioli, gli occhi vividi, sia nel ruolo di raccordo sia nel proprio personale; costante e misurata Cristina Sferrella, intenta a riempire gli stacchi, spostandosi dietro la fila, con la voce dal timbro costante e sicura dizione; Paola Gota porge il proprio epitaffio con un parlare rotto, spezzato, con frasi puntiformi per esprimere l’emozione che prova; sicura Daniela Musso, cui è toccato l’ingrato compito di iniziare; Daniela Cassina aristocratica nella sua innata eleganza di portamento; Monica Cortigiani perplessa e pensosa all’unisono; Nicoletta Mensi dal piglio deciso e perentorio; Marinella Scagliotti tenerissima e indifesa; poi Deborah Bencini, Federica Leone, Anna Ponzano, tutte ispirate e perfettamente inserite nella parte, ripeto corale, in cui l’individualità diventa un magma dai tratti indistinguibili, complici il buio e la sincronia dei gesti.

Splendido l’effetto dell’incipit sulla canzone che riprende “La collina”, l’introduzione (aggiunta da Masters nella seconda edizione del 1916, dopo l’inatteso strepitoso successo della prima del 1915), con i 14 corpi che simultaneamente si voltano indietro, piegandosi sinuosi, sensuali, ritmati, dalla positura verticale fino al lento e misurato abbandono, girandosi sul bancone retrostante. Un risultato scenico, che lascia lo spettatore fulminato e stupefatto da tanta bravura.

Leggendaria la storia autentica della traduzione della Pivano, studentessa del Liceo classico D'Azeglio di Torino, rimandata assieme a Primo Levi e Natalia Ginzburg in italiano alla Maturità, che aveva avuto Pavese come docente, il quale le prestò alcuni libri americani  La Pivano ragazzina fu colpita dai versi "mentre la baciavo con l'anima sulla labbra/ l'anima d'improvviso mi sfuggì", e tradusse in segreto l'Antologia, vergognandosi di tanto ardire.  Pavese scoprì la traduzione, non disse nulla, la prese. La Pivano nel 1941 si laureò in lettere. Nel 1943 uscì il libro col titolo ( per ingannare la censura fascista):  Antologia di San River, quasi subito sequestrato.

L’Antologia di Spoon River, contiene 244 epigrafi: 19 storie che coinvolgono 248 personaggi, appartenenti a tutti i ceti e mestieri sociali.  Ciascuna poesia ha la forma dell’epitaffio, quello scritto sulla tomba; il linguaggio, in assenza di metrica, oscilla verso la prosa, anche per la deliberata schiettezza con cui Masters racconta storie di adulteri, aborti, tradimenti, omicidi, bancarotte, banche strozzine, ispirandosi anche a fatti e personaggi veri. I concittadini infatti protestarono (Gianni Riotta, La Stampa 29/12/16).  Spoon River è un paese inventato, che rispecchia però due villaggi vicini, ove visse fino all’età adulta l’autore, quando fuggì a Chicago, destinata a diventare la capitale letteraria , per cedere poi il posto a NewYork.  L’Antologia (che si ispira lontanamente alla silloge greco- ellenistico-bizantina Antologia Palatina, Masters aveva studiato il greco)  sembra un romanzo “mancato”, redatto in prosa ritmata, come molta poesia del ‘900: una caustica critica del capitalismo , della magistratura corrotta, della violenza della polizia, della famiglia patriarcale ipocrita.

 

Edgar Lee Masters rivoluziona la giovane letteratura americana, imponendole il realismo., e facendole “scoprire la tragedia” (Agostino Lombardo).  Censura la società puritana (pensiamo alla “Lettera scarlatta di Hawthorne del 1846)  con un atteggiamento puritano. La formula apparentemente paradossale è abbozzata da Pavese e ripresa dalla Pivano. La posizione di Lee Masters è quella di colui che accusa la rigidezza moralistica e ipocrita del puritanesino in tutte le sue sfaccettature, ma lo fa da puritano, con la veemenza, l’atteggiamento  ieratico del predicatore che accusa, diventato quasi un profeta.  I puritani del Middle West erano convinti che la grande città fosse il luogo della corruzione e dell’immoralismo, mentre la campagna e i suoi villaggi si erano mantenuti ancorati ai valori tradizionali.  Masters si schiera dalla parte del villaggio (come Walt Whitman, a cui si ispira, resta un regionalista)  non per difenderlo bensì per mostrarne le nefandezze (vedi il grande film “Dogville” del 2003, con una memorabile Nicole Kidman del visionario Lars Von Trier).

 Tutti i morti sulla collina di Spoon River “si lamentano di aver mancato la vita, con una consapevolezza austera e fraterna del dolore di tutti”: la vita è un cimitero di ambizioni fallite e sofferte.  Non ci sono simboli, tutto è vivo, materiato, attuale. E non si tratta di “una rassegna di casi clinici”, perché Masters esprime “una consapevolezza austera e fraterna del dolore e della vanità di tutti”.  Le “spettrali, dolenti, terribili, sarcastiche voci di Spoon River ci hanno commossi e toccati a fondo”.  La ribellione, ricorrente nel libro, è quella di anime stanche, che si fanno schiacciare o scompaiono (Pavese,”La cultura” 1931 e “Il Saggiatore”, 1943, con tagli).  Condannati, sono inchiodati per l’eternità al proprio epitaffio, eppure in esso ritrovano un pezzo nostalgico della vita perduta., ma possono solo ripeterlo verbalmente non cambiarlo.

Cahen cita lo choc, da cui il mondo letterario americano, insieme al grande pubblico, fu colpito. Masters aveva tolto loro ogni illusione, e aprì la strada alla Lost Generation, col suo linguaggio chiaro e sempre preciso. A lui si ispireranno Fitzgerald, Dos Passos, la Stein, Faulkner, Hemingway (Maxwell Geismar), non a caso tradotti da Pavese, Vittorini, Montale, e la Pivano, gli uni e gli altri i romanzieri e poeti della mia adolescenza.

Spettacolo da replicare assolutamente.

                                                        spectator

05/04/2017 21:56:52
comments powered by Disqus
02.02.2018
Nuccio Lodato
Alla cara memoria di Grazia Pierallini, comune amica di tutti quanti noi cinque La scomparsa di Roberto Prigione, intervenuta un mese fa a 76 anni (1), ci ha privati di uno degli ultimi testimoni diretti e compartecipi della vita di una rivista, «Cinema Nuovo», quindicinale...
 
07.01.2018
Elvio Bombonato
Questa di Marinella è la storia veraChe scivolò nel fiume a primaveraMa il vento che la vide così bellaDal fiume la portò sopra una stella.Sola senza il ricordo di un doloreVivevi senza il sogno di un amoreMa un re senza corona e senza scortaBussò tre volte un giorno alla tua porta.Bianco come la luna...
04.01.2018
Patrizia Gioia
“The square” e “la Ruota delle meraviglie”, due film nelle nostre sale. Nel 2013, per Adelphi uscì il libro di Kundera che aveva come titolo “La festa dell'insignificanza”. Passò quasi inosservato, confermando così la sostanza reale del titolo e la sua tesi: la nostra è un'epoca comica perchè ha...
 
04.01.2018
Nuccio Lodato
Lyda Borelli in mostra alla "sua" Fondazione veneziana, e non solo Ha chiuso i battenti a Venezia il 15 novembre (dopo esservi stata inaugurata il 1° settembre, in coincidenza con la rassegna del Lido) la mostra Lyda Borelli primadonna del Novecento, alla Galleria di Palazzo Cini sul Canal Grande....
15.11.2017
Nuccio Lodato
L'importante retrospettiva a Locarno 70, lo scorso agosto “Se mi mandano un copione, giro. Non ne ho mai rifiutato uno. Sono come un falegname: se mi danno un pezzo di legno fabbrico qualcosa, se non me lo danno rimango fermo” ...
 
08.11.2017
Nuccio Lodato
Sono nuove le attrattive economiche per la produzione italian Sabato 11 novembre, alle 17, presso la Sala Convegni della Fondazione Cassa di Risparmio di Tortona, il locale Circolo del Cinema (Film & Video) propone il terzo incontro della serie Visioni seriali, dal titolo Tuffàti nella serie (o...
31.10.2017
Patrizia Gioia
"L'altra metà della storia " e " Dove non ho mai abitato", due film da vedere. Due film dove i sentimenti umani vengono scovati nelle pieghe del tempo, dentro un passato mai veramente vissuto che, si sa, arriva sempre a chiedere e chiudere i conti lasciati in sospeso. E' sempre inquietante cambiare i...
 
07.10.2017
Giuseppe Rinaldi
1. Se c’è un film di fantascienza[1] che, nell’immaginario popolare, ha segnato un periodo della nostra storia recente, questo non può essere che Blade Runner di Ridley Scott. Che l’abbia segnato è abbastanza certo, ma non è facile spiegare il perché. In quest’articolo che, come si vedrà, si occupa...
25.09.2017
Nuccio Lodato
E’ in libreria, edito da Mimesis, Wer ist Leonardo? Da Caligari al cinema senza nomi: un corposo volume nel quale un numerosissimo gruppo di colleghi, amici e allievi italiani e di numerosi altri paesi hanno voluto salutare auguralmente, con altrettanti scritti, Leonardo Quaresima, professore ordinario...
 
22.09.2017
Nuccio Lodato
E’ in corso di svolgimento a Bergamo, da giovedì 22 a mercoledì 27, il festival cinematografico A Shot in the Dark, organizzato presso l’Auditorium di piazza della Libertà dalla Lab 80 Film e dalla Federazione Italiana Cineforum, nel quadro del suo 65° Consiglio Federale. E’ compreso in tale ambito...
Segnali
Nell’ambito della “Calende e non solo... in musica - Rassegna concertistica internazionale per Chitarra...
Alessandro Gassman e Marco Giallini sul grande schermo ...
Al Teatro Sociale tornano i tanto attesi appuntamenti del Sabato Pomeriggio in Famiglia quest'anno una...
Segnaliamo un articolo comparso sulla rivista economiaepolitica.it in cui si sostiene la tesi che le...
Segnaliamo un interessantissimo articolo di Rosa Canelli e Riccardo Realfonzo sulla crescente disuguaglianza...
Il Forum dei Movimenti per la Terra e il Paesaggio annuncia che il Gruppo di Lavoro Tecnico-Scientifico...
Segnaliamo un interessantissimo articolo del prof. Felice Roberto Pizzuti docente di Politica Economica...
I MARCHESI DEL MONFERRATO NEL 2018 Si è appena concluso un anno particolarmente intenso di attività,...
Stephen Jay Gould Alessandro Ottaviani Scienza Ediesse 2012 Pag. 216 euro 12​ New York, 10 settembre...
Segnaliamo un interessante articolo comparso sulla rivista online economiaepolitica http://www.economiaepolitica.it/lavoro-e-diritti/diritti/scuola-sanita-e-servizi-pubblici/servizio-sanitario-nazionale-a-prezzo-regionale-il-paradosso-del-ticket/...
Segnaliamo, come contributo alla discussione, un interessante articolo comparso sul sito “Le Scienze.it” Link:...
Il Circolo Culturale “I Marchesi del Monferrato” presenta il suo nuovo progetto per il 2018: le celebrazioni...
Segnaliamo un interessante articolo comparso sulla rivista online economiaepolitica http://www.economiaepolitica.it/politiche-economiche/europa-e-mondo/la-ripresa-e-lo-spettro-dellausterita-competitiva/...
DA OGGI IN RETE 2500 SCHEDE SU LUOGHI, MONUMENTI E PERSONAGGI A conclusione di un intenso lavoro, avviato...
Segnaliamo il libro di Agostino Spataro, collaboratore di Cittàfutura su un argomento sempre di estrema...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.