Associazione Città Futura - Logo
Terza Pagina
Il conflitto tra “capitale” e “lavoro” nella modernità apuana
Salvatore Ragonesi


Il prezioso volume di Beniamino Gemignani “Il lavoro e i suoi martiri”. Edito recentemente dalla SEA di Carrara.

Beniamino Gemignani ha fatto un’opera notevole di ricostruzione storiografica del conflitto che si è svolto nelle cave marmifere apuane tra operai e imprenditori, lavoro e capitale, e del dolore che ha attraversato la comunità locale in seguito ai lutti, alle mutilazioni e alle lotte necessarie per ottenere un piccolo incremento salariale e un miglioramento delle condizioni lavorative. Lo studioso utilizza tutti gli strumenti utili alla ricerca, rinvenuti negli archivi pubblici e privati, dai diari familiari alle lettere e alle più svariate forme di documentazione, e non si accontenta di ottenere una ricognizione delle vicende narrate, poiché fa intervenire il suo sentimento e le sue emozioni per scavare sempre più in profondità nei rapporti interpersonali e comunitari e dare un’idea più puntuale, elaborata e realistica, delle drammatiche situazioni egregiamente illustrate, come si addice a storici di provata capacità.

Questo è il merito più grande dell’Autore de “ Il lavoro e i suoi martiri “ edito dalla società Editrice Apuana di Carrara nel 2017 e introdotto da Enrico Rossi, Presidente della Regione Toscana, e da Giorgio Lindi, Presidente dell’ Anpi di Carrara.

La storia locale si intreccia nella ricerca di Gemignani con la storia generale, ed è anche questo un prezioso contributo che viene donato al lettore con le due storie tanto brillantemente sintetizzate in una visione unitaria e in una esposizione concretamente univoca.

I fatti locali assumono un valore paradigmatico, poiché vengono sottoposti a metodologie, esposizioni e riflessioni più larghe e aperte e raggiungono altezze concettuali di non poco rilievo nella loro problematicità e applicabilità generale. Così, e soltanto in tal modo, la storia locale acquista dignità e scientificità e supera i suoi confini cui spesso viene inesorabilmente legata e mummificata.

La questione storica di fondo non è più quella del dolore esistenziale per i morti ed i feriti sul lavoro nelle cave marmifere apuane, bensì quella dei rapporti tra capitale e lavoro nelle loro epoche storiche e nei duri scontri che si presentano puntualmente nelle varie fasi della storicità, dal Medio-Evo alla modernità e alla contemporaneità. Dalla vicenda delle vicinanze a quella dell’appropriazione capitalistica a parlare non sono tanto le persone con le loro emozioni ed i loro sentimenti, ma gli individui con i loro interessi ed i loro legami al loro mondo degli affari e degli affetti, nella loro completa ed integrale totalità.

La modernità liberistica ha scatenato il fuoco della cupidigia capitalistica e ha bruciato quanto la ricchezza sociale aveva prodotto a favore della comunità, lasciando nella disperazione la classe operaia, impegnata nelle cave marmifere ed in quegli agri dai quali aveva ricevuto il proprio nutrimento. Il velo dell’età moderna di presenta al cospetto della storia apuana con lacrime e sangue, e accadono i famosi moti del 1894, i cosiddetti “ fatti di lunigiana “ che sono in effetti quasi esclusivamente fatti carraresi. Qui la contraddizione più grave ed eclatante mi sembra quella intercorsa tra rappresentanze operaie e riduzione del potere e delle prospettive della classe dei cavatori. Il pessimismo conseguente non impedisce perciò l’uso della violenza che si trasferisce pure nella vita cittadina.

L’Autore di fronte alle pagine di questo tipo di modernità contraddittoria esprime un giudizio storiografico di grande intelligenza e dice in sostanza che gli avanzamenti tecnologici ed i progressi capitalistici non favoriscono eguali avanzamenti e progressi nel campo lavorativo, nell’organizzazione del lavoro e nella redistribuzione della ricchezza sociale. I poveri pagano più alti tributi ed i ricchi ottengono di pagare più moderate imposizioni fiscali. E ciò scatena ovviamente la rabbia del proletariato locale, che si sente e si vede sopraffatto da tributi, da condizioni di lavoro disumane e da atti di arbitrio da parte del potere politico e amministrativo straordinariamente e platealmente settario e indisponente.

Questo è in realtà il 1894 a Carrara, e la richiesta dello stato d’assedio e l’arrivo dell’esercito e la messa in azione di tutti gli apparati coercitivi dello Stato monarchico non sono sufficienti ad impedire lo scatenamento dell’emotività popolare. E Gemignani ne fornisce un rapido schizzo, ma bastevole a riassumere tutti i dati di una vicenda dolorosa, con la spaccatura che si produce all’interno di una comunità tradizionalmente governata da sentimenti di umana solidarietà e profondo spirito di pacificazione sociale, anche nelle dure tempeste della fame e della miseria ricorrente.

Tutta questa riflessione si può riassumere con le parole dell’Autore secondo il quale il proletariato delle cave e i cittadini più poveri di Carrara pagano il prezzo più alto ( Vedi B.Geminiani, “Il lavoro e i suoi Martiri”, SEA, Carrara 2017, p.p. 32-34 ). Dice in particolare l’Autore che le varie amministrazioni comunali a mezzo delle commissioni tributarie adottano la prassi normale e costante “ del far pagare di più a chi ha di meno e di meno a chi ha di più  ” ( B.Geminiani, Op. cit. , p. 33 ). La storia successiva di Carrara conferma la situazione descritta, anche dopo il periodo fascista e post-fascista, e nonostante la diretta presa del potere politico da parte di gruppi e uomini dichiaratamente democratici e di sinistra. 

 

                                                                                                                                                      ( di Salvatore Ragonesi )

09/09/2017 15:35:09
comments powered by Disqus
20.03.2018
Aydin (*)
Questa settimana vorremmo proporvi un piccolo gioco: esaminare un episodio della storia alessandrina secondo i metodi analitici della storiografia anglosassone. La scuola storiografica inglese, che personalmente apprezziamo nel modo più assoluto e a cui cerchiamo di adeguarci quando scriviamo, dà molta...
 
17.03.2018
Marina Elettra Maranetto
“Brutto schifo” era la conclusione cui perveniva la mia amica olandese, che non è mai riuscita ad impossessarsi delle sfumature della nostra lingua, riassumendo con tratto ecumenico tutto ciò che la contrariava, dal particolare all’universale. Ed è quel brutto schifo che ogni giorno, come un rigurgito,...
12.03.2018
Marina Elettra Maranetto
Poco le era stato risparmiato perché non s’era risparmiata. Erano le parole di cui si serviva ad aver preso il posto dei sentimenti che le avevano afferrato la vita. Convertita all’età della saggezza, ma peccando d’orgoglio, si compiaceva d’interpretare ciò che l’interlocutore s’aspettava d’ascoltare...
 
11.03.2018
Patrizia Gioia
Questa mattina al teatro Filodrammatici: Libertà e Bellezza con la musica dei paesi: Polonia, Ungheria, Repubblica Ceca e Slovacchia Woody Allen, con la febbrile ironia ebraica, dice che la musica di Wagner gli fa venire voglia di invadere la Polonia. Ascoltando invece la musica polacca e di questi...
04.03.2018
Elvio Bombonato
Via del Campo c'è una graziosa gli occhi grandi color di foglia tutta notte sta sulla soglia vende a tutti la stessa rosa. Via del Campo c'è una bambina con le labbra color rugiada gli occhi grigi come la strada nascon fiori dove cammina. Via del Campo c'è una puttana gli occhi grandi color...
 
28.02.2018
Marina Elettra Maranetto
“Zoccole pentite”, categoria onnicomprensiva che esula dall’accezione comune del termine esprimendo parità di genere. Sono i mutanti di schieramento politico che transumando verso un’altra parte più conveniente ne diventano sostenitori appassionati pensando di riscattarsi. Più realisti del Re,...
28.02.2018
Patrizia Gioia
Cari Amici, non è facile vivere la vecchiaia. Pare assurdo ma arriva come un temporale, previsto ma inaspettato, all'improvviso ti trovi addosso anni come pioggia, dai quali pare impossibile ripararsi, inutile cercare intorno tettoie, ombrelli, ripari, ormai sei bagnata e tutto il tuo corpo e la tua...
 
25.02.2018
Patrizia Gioia
«Gandhi, in una lettera a Sarojini Naidu, si definì una volta scherzosamente “mystic spinner”, ossia “filatore mistico”.Questa sua espressione scherzosa e unica rappresenta un suggerimento centrale per guidarci a ricomprendere noi attraverso la figura del “Mahatma”, il profilo insieme mistico e politico...
25.02.2018
Mauro Fornaro
La crisi della famiglia tradizionale si correla alla crescita delle cosiddette nuove famiglie o “famiglie moderne”. Si tratta di variegate tipologie tutte in crescita negli ultimi decenni pure in Italia: principalmente famiglie ricomposte, cioè formate da due partner che si mettono assieme portando...
 
17.02.2018
Nuccio Lodato
All'indimenticabile memoria di ZEUS, Gatto Nero incomparabile e insuperato [e al Micio Ignoto...
Segnali
Alessandro Gassman e Marco Giallini sul grande schermo ...
Al Teatro Sociale tornano i tanto attesi appuntamenti del Sabato Pomeriggio in Famiglia quest'anno una...
Segnaliamo un articolo comparso sulla rivista economiaepolitica.it in cui si sostiene la tesi che le...
Segnaliamo un interessantissimo articolo di Rosa Canelli e Riccardo Realfonzo sulla crescente disuguaglianza...
Il Forum dei Movimenti per la Terra e il Paesaggio annuncia che il Gruppo di Lavoro Tecnico-Scientifico...
Segnaliamo un interessantissimo articolo del prof. Felice Roberto Pizzuti docente di Politica Economica...
I MARCHESI DEL MONFERRATO NEL 2018 Si è appena concluso un anno particolarmente intenso di attività,...
Stephen Jay Gould Alessandro Ottaviani Scienza Ediesse 2012 Pag. 216 euro 12​ New York, 10 settembre...
Segnaliamo un interessante articolo comparso sulla rivista online economiaepolitica http://www.economiaepolitica.it/lavoro-e-diritti/diritti/scuola-sanita-e-servizi-pubblici/servizio-sanitario-nazionale-a-prezzo-regionale-il-paradosso-del-ticket/...
Segnaliamo, come contributo alla discussione, un interessante articolo comparso sul sito “Le Scienze.it” Link:...
Il Circolo Culturale “I Marchesi del Monferrato” presenta il suo nuovo progetto per il 2018: le celebrazioni...
Segnaliamo un interessante articolo comparso sulla rivista online economiaepolitica http://www.economiaepolitica.it/politiche-economiche/europa-e-mondo/la-ripresa-e-lo-spettro-dellausterita-competitiva/...
DA OGGI IN RETE 2500 SCHEDE SU LUOGHI, MONUMENTI E PERSONAGGI A conclusione di un intenso lavoro, avviato...
Segnaliamo il libro di Agostino Spataro, collaboratore di Cittàfutura su un argomento sempre di estrema...
Memoria Pietro Ingrao Politica Ediesse 2017 Pag. 225 euro 15 Ha vissuto cent’anni Pietro Ingrao...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.