Associazione Città Futura - Logo
Terza Pagina
Su "Ti libero la fronte dai ghiaccioli" di Eugenio Montale
Elvio Bombonato & Elena Di Gesualdo
 La poesia di Montale fa parte dei "Mottetti", inseriti nelle "Occasioni". Il mottetto era una composizione polifonica vocale (Montale studiava da baritono, smise perché morì il maestro) di argomento religioso o amoroso, fondata su un motto o sentenza, di solito in due fasi, spesso in due diversi movimenti ritmici (Isella).  Nei “Mottetti” Montale inventa il personaggio di Clizia, trasfigurandola da girasole in Visiting Angel, che appare e scompare nel ricordo ( il senhal che Montale sceglie per Irma Brandeis, ebrea ritornata nel 1938 negli Usa, dove lui, nonostante le promesse fattele, non andrà, cedendo ai ricatti di Drusilla, nella cui casa aveva affittato una stanza. Montale li dedica (sono 21, un piccolo canzoniere) a un The Only Begetter  (Shakespeare, Somnets, 154: a " W.H., solo procuratore dei versi che seguono": procuratore significa colui che suscita, che genera).  Sono indirizzati a un TU, essere remoto e salvifico, divino e demoniaco: la Lontana (Fortini). Inseriti nelle “Occasioni", ove è il caso a provocare la memoria involontaria. Esse sono un Canzoniere d'amore, un lungo poema dell'assenza e della separazione, interiezioni e istantanee del fantasma che ti salva (Contini). I mottetti sono poesie di alta concentrazione lirica (Isella), la massima a cui Montale sia pervenuto nella sua lunga carriera.

Ti libero la fronte dai ghiaccioli
che raccogliesti traversando l' alte
nebulose; hai le penne lacerate
dai cicloni, ti desti a soprassalti.

Mezzodì: allunga nel riquadro il nespolo
l'ombra nera, s'ostina in cielo un sole
freddoloso; e l'altre ombre che scantonano
nel vicolo non sanno che sei qui.

La prima quartina descrive il viaggio lungo e faticoso di Clizia, che giunge stremata alla meta, la casa del poeta (è un interno: il riquadro è la finestra, Magritte). 

 La seconda quartina invece uno squarcio probabilmente di Firenze, ove M. risiedeva, e dove aveva conosciuto Clizia. E' una fantasia di M., abbandonato da colei che ama, e che risiede a “tremila chilometri di distanza”). Clizia è una Beatrice che riappare al suo fedele d’amore (la brigata di Dante, Cavalcanti e Cino), dopo la lunga assenza.

  La prima strofa è stilnovista: tecnicismo la fronte (Irma aveva la frangia di capelli neri, non biondi, urrah, che la ricopriva). M. le sposta i capelli con un gesto affettuoso. La guarda dormire, con un atteggiamento paterno e protettivo.  M. parte dal fisico, dalla fisicità, per sollevarsi al metafisico. Lei è arrivata stremata, ferita, ha bisogno di essere accudita come una bambina. Il viaggio di Clizia, dall’America a Firenze, è passato  attraverso l'oceano Atlantico: spazi siderali e cicloni cosmici, che a stento la donna angelo riesce a valicare.

  Nella seconda quartina un paesaggio cittadino cupo e minaccioso; le ombre che scantonano sono gli uomini che non si voltano, che non si pongono domande e non cercano risposte, ciechi non vedono e non sentono (“le trappole e gli scorni di chi crede che la realtà sia quella che si vede”; il personaggio anonimo di ”Non chiederci la parola”). Tema già di Leopardi, il quale sosteneva che gli inconsapevoli e i convinti fossero più felici, o meno infelici, di chi invece fosse pensante.  Figurarsi se comprendono Clizia, la donna salutifera (ambiguità voluta, colei che saluta e che porta la salvezza), l'angelo della visitazione. Il paesaggio, nonostante sia mezzogiorno, appare buio e apocalittico. Ineguagliabili la forza del verbo insolito “s’ostina”e l’ossimoro “sole/freddoloso”, ove vince il 2° termine.  Questi uomini sono ombre, non vivi, e non lo sanno, hanno fretta di tornare a casa, camminano rasente i muri, non avvertono il miracolo (“Forse un mattino andando”), l’arrivo di Clizia, l’angelo mandato da Dio (è passata e non l’ ho vista).

La tensione visionaria della prima strofa, forse citazione criptica della donna di “Invernale” dell’amato Gozzano (Tiziana de Rogatis), si oppone crudamente all’ostilità della seconda, metafora del dualismo anima e corpo, sacro e profano (Tiziano, il pittore), col vicolo claustrofobico e opprimente, che impedisce la vista dell’arrivo di Clizia dal cielo sulla terra, “ a miracol mostrare”. Ricorda Petrarca quando non può liberarsi dal pensiero dell’amore: inutile cercare di fuggirgli, non c’è luogo che ci nasconda dalla passione (“Ma pur si aspre vie né si selvagge/ cercar non so ch’Amor non venga sempre/ ragionando con meco e io co llui”).

Alla donna Montale attribuisce un potere salvifico. Montale non può sottrarsi all’amore.

                             elena di gesualdo – elvio bombonato


   

 

 

 

12/11/2017 16:29:33
comments powered by Disqus
20.03.2018
Aydin (*)
Questa settimana vorremmo proporvi un piccolo gioco: esaminare un episodio della storia alessandrina secondo i metodi analitici della storiografia anglosassone. La scuola storiografica inglese, che personalmente apprezziamo nel modo più assoluto e a cui cerchiamo di adeguarci quando scriviamo, dà molta...
 
17.03.2018
Marina Elettra Maranetto
“Brutto schifo” era la conclusione cui perveniva la mia amica olandese, che non è mai riuscita ad impossessarsi delle sfumature della nostra lingua, riassumendo con tratto ecumenico tutto ciò che la contrariava, dal particolare all’universale. Ed è quel brutto schifo che ogni giorno, come un rigurgito,...
12.03.2018
Marina Elettra Maranetto
Poco le era stato risparmiato perché non s’era risparmiata. Erano le parole di cui si serviva ad aver preso il posto dei sentimenti che le avevano afferrato la vita. Convertita all’età della saggezza, ma peccando d’orgoglio, si compiaceva d’interpretare ciò che l’interlocutore s’aspettava d’ascoltare...
 
11.03.2018
Patrizia Gioia
Questa mattina al teatro Filodrammatici: Libertà e Bellezza con la musica dei paesi: Polonia, Ungheria, Repubblica Ceca e Slovacchia Woody Allen, con la febbrile ironia ebraica, dice che la musica di Wagner gli fa venire voglia di invadere la Polonia. Ascoltando invece la musica polacca e di questi...
04.03.2018
Elvio Bombonato
Via del Campo c'è una graziosa gli occhi grandi color di foglia tutta notte sta sulla soglia vende a tutti la stessa rosa. Via del Campo c'è una bambina con le labbra color rugiada gli occhi grigi come la strada nascon fiori dove cammina. Via del Campo c'è una puttana gli occhi grandi color...
 
28.02.2018
Marina Elettra Maranetto
“Zoccole pentite”, categoria onnicomprensiva che esula dall’accezione comune del termine esprimendo parità di genere. Sono i mutanti di schieramento politico che transumando verso un’altra parte più conveniente ne diventano sostenitori appassionati pensando di riscattarsi. Più realisti del Re,...
28.02.2018
Patrizia Gioia
Cari Amici, non è facile vivere la vecchiaia. Pare assurdo ma arriva come un temporale, previsto ma inaspettato, all'improvviso ti trovi addosso anni come pioggia, dai quali pare impossibile ripararsi, inutile cercare intorno tettoie, ombrelli, ripari, ormai sei bagnata e tutto il tuo corpo e la tua...
 
25.02.2018
Patrizia Gioia
«Gandhi, in una lettera a Sarojini Naidu, si definì una volta scherzosamente “mystic spinner”, ossia “filatore mistico”.Questa sua espressione scherzosa e unica rappresenta un suggerimento centrale per guidarci a ricomprendere noi attraverso la figura del “Mahatma”, il profilo insieme mistico e politico...
25.02.2018
Mauro Fornaro
La crisi della famiglia tradizionale si correla alla crescita delle cosiddette nuove famiglie o “famiglie moderne”. Si tratta di variegate tipologie tutte in crescita negli ultimi decenni pure in Italia: principalmente famiglie ricomposte, cioè formate da due partner che si mettono assieme portando...
 
17.02.2018
Nuccio Lodato
All'indimenticabile memoria di ZEUS, Gatto Nero incomparabile e insuperato [e al Micio Ignoto...
Segnali
Nell’ambito della “Calende e non solo... in musica - Rassegna concertistica internazionale per Chitarra...
Alessandro Gassman e Marco Giallini sul grande schermo ...
Al Teatro Sociale tornano i tanto attesi appuntamenti del Sabato Pomeriggio in Famiglia quest'anno una...
Segnaliamo un articolo comparso sulla rivista economiaepolitica.it in cui si sostiene la tesi che le...
Segnaliamo un interessantissimo articolo di Rosa Canelli e Riccardo Realfonzo sulla crescente disuguaglianza...
Il Forum dei Movimenti per la Terra e il Paesaggio annuncia che il Gruppo di Lavoro Tecnico-Scientifico...
Segnaliamo un interessantissimo articolo del prof. Felice Roberto Pizzuti docente di Politica Economica...
I MARCHESI DEL MONFERRATO NEL 2018 Si è appena concluso un anno particolarmente intenso di attività,...
Stephen Jay Gould Alessandro Ottaviani Scienza Ediesse 2012 Pag. 216 euro 12​ New York, 10 settembre...
Segnaliamo un interessante articolo comparso sulla rivista online economiaepolitica http://www.economiaepolitica.it/lavoro-e-diritti/diritti/scuola-sanita-e-servizi-pubblici/servizio-sanitario-nazionale-a-prezzo-regionale-il-paradosso-del-ticket/...
Segnaliamo, come contributo alla discussione, un interessante articolo comparso sul sito “Le Scienze.it” Link:...
Il Circolo Culturale “I Marchesi del Monferrato” presenta il suo nuovo progetto per il 2018: le celebrazioni...
Segnaliamo un interessante articolo comparso sulla rivista online economiaepolitica http://www.economiaepolitica.it/politiche-economiche/europa-e-mondo/la-ripresa-e-lo-spettro-dellausterita-competitiva/...
DA OGGI IN RETE 2500 SCHEDE SU LUOGHI, MONUMENTI E PERSONAGGI A conclusione di un intenso lavoro, avviato...
Segnaliamo il libro di Agostino Spataro, collaboratore di Cittàfutura su un argomento sempre di estrema...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.