Associazione Città Futura - Logo
Ambiente
Delitti sull' "acqua"
Aydin(*)

 

L’acqua è la principale ricchezza della piana alessandrina, l’unica sicura dopo l’amaro risveglio  dal sogno industriale degli Anni 70, dall’illusione collettiva di trasferire oltre Appennino parte dell’obsoleta industria ligure. Solo all’abbondanza di acqua si devono rese agrarie tra le più elevate d’Europa che normalmente superano  i 100 quintali per ettaro per il granoturco, i 600 per le bietole da zucchero, i 60 per il grano e la soia, senza poi contare le coltivazioni intensive di ortaggi e frutta in cui si toccano punte da giardino dell’Eden. In un territorio in cui si contano oggi meno operai di quanti ve ne fossero nel 1912, in cui le industrie sopravvivono in un cimitero di capannoni abbandonati, non c’è altra ricchezza. Solo dall’agricoltura, e da ciò che rimane dell’industria, trae oggi sostentamento la miriadi di piccoli commerci polverizzati e l’enfatico esercito impiegatizio con cui si è cercato un facile rimedio alla crescente disoccupazione e all’ emigrazione verso le altre province. Ed i dati parlano chiaro. Su un prelievo  totale  di acque sotterranee di 23 710 litri al secondo, ben 20 723, pari all’87,41%, vanno all’agricoltura, contro  2140 dell’industria, equivalenti al 9,06% ed i soli 837 corrispondenti al 3,53% dell’uso potabile. Tanto l’acqua è abbondante, tanto è fragile la struttura geologica da cui trae origine. I 200 000 abitanti gravano sulla “conoide” compresa tra Serravalle  Scrivia, Tortona ed Alessandria, utilizzano l’acqua proveniente da un unico torrente, lo Scrivia, che trovandosi in posizione più elevata alimenta le falde sotterranee dell’intera zona. E le acque scorrono, a volte, a pochi metri dal suolo in un terreno alluvionale di sabbie e ghiaie altamente permeabili, e quindi assai facilmente penetrabile da ogni tipo di inquinamento. La crisi che da tempo sta travagliando l’ Alessandrino, arretrato dal 35° al 37° posto nella classifica del reddito delle province italiane, genera e si rivela anche in strutture economiche tendenti a sostituire la tradizionale economia produttiva con forme di subeconomia basate sulla produzione a breve termine delle risorse. In questi ultimi anni in tutta la “conoide” Scrivia sono proliferate cave di inerti e di ghiaia, in gran parte destinata ad altre regioni, con estrazioni selvagge che, in violazione ad ogni vigente legge, hanno scoperchiato le falde sconvolgendo l’andamento delle acque sotterranee. A peggiorare la situazione, le cave, una volta esaurite, sono state trasformate in discariche di ogni genere  e tipo, con conseguenze facilmente intuibili sull’inquinamento delle acque. Anche i dati di questi “profitti”di rapina sono noti. Un ettaro di cava esausta vale circa 10 milioni, che diventano più di un miliardo se la cava si trasforma in discarica. E così, ogni giorno che passa, si distrugge l’unica vera ricchezza dell’Alessandrino, in un preoccupante silenzio che accomuna i partiti, i sindacati, le associazioni contadine nonché i neonati raggruppamenti ecologisti. E’ un silenzio difficile da comprendere, a cui si può trovare spiegazione unicamente in carenze culturali ed in un progressivo distacco dalle reali esigenze del territorio. Basterebbe conoscere la storia industriale della zona per sapere che l’Alessandrino deve alla disponibilità di acqua alcune delle sue principali industrie. La Montedison fu localizzata a Spinetta Marengo, piccolo sobborgo in cui non esisteva alcuna “vocazione chimica”, unicamente perché si poteva attingere dalle falde sotterranee ben 1200 litri di acqua ogni secondo. Un vero e proprio “fiume”, assai difficilmente reperibile in altre località.  Analogo discorso vale per la Michelin e la Spad che rinunciarono a proposte localizzative  di altre province proprio per difficoltà di approvvigionamento idrico. L’acqua, e crediamo il dato incontestabile, sta diventando, ogni giorno che passa, un bene sempre più prezioso, ed averne a disposizione quantitativi quasi illimitati può diventare un valido strumento anche per il rilancio industriale del basso Alessandrino. Perché ciò sia fattibile occorre mantenere integra la qualità delle acque. Se esaminiamo le analisi delle acque  sotterranee e le confrontiamo con quelle passate, notiamo un accrescersi del contenuto di metalli pesanti, di prodotti clorurati e di altre sostanze tossiche sebbene, generalmente, in quantitativi minimi e non ritenuti dannosi dalle vigenti norme sanitarie. Se è criminoso fare dell’allarmismo, lo è ugualmente il non preoccuparsi di quanto potrà accadere in futuro se l’attuale progressivo degrado non verrà arrestato.

(*) GUIDO MANZONE    (uno dei testi che ci permette di ricordare un grande collaboratore)

LA STAMPA  7-6-87

09/11/2017 12:59:33
comments powered by Disqus
10.03.2018
Claudio Lombardi
Alessandria sperimenterà una soluzione rivoluzionaria che abbatterà le pericolosissime polveri sottili (PM10,2,5 etc) rendendo aria di alta montagna la mefitica aria che in certi periodi dell’anno respiriamo nella nostra città. Si tratta di fioriere che posizionate in vari punti assolveranno a questa...
 
08.03.2018
ATTAC Piemonte
Olimpiadi, neve e sciamani Il 2026 sembra lontano ma è già incominciato il rollio dei tamburi per invocare nuovamente le Olimpiadi invernali a Torino. Sembra una danza sciamanica della pioggia (di contributi); ma con minor onestà intellettuale degli sciamani (nulla ce ne voglia tale onesta categoria)...
03.03.2018
Antonello Brunetti
A distanza di 27 anni, dalla Presidenza del Consiglio, un rapporto afferma che le tratte TAV in fieri “non sono giustificate dai numeri e che le previsioni sono ormai smentite dai fatti” INUTILITÀ - È demoralizzante constatare che sono occorsi quasi trent’anni da quando il Sole XXIV ore di fine 1991...
 
03.03.2018
Claudio Pasero
Recentemente i media hanno dato la notizia della nuova sperimentazione che la città di Alessandria si appresta a portare avanti per contrastare il drammatico problema dell’inquinamento atmosferico; un dispositivo analogo ad altri “miracolosi” pannelli in grado di assorbire le micidiali polveri sottili...
10.01.2018
Ente Regionale Parco del Po VC - AL
Una bella persona di cui sentiremo la mancanza. Senza di lui non ci sarebbe nè la "Garzaia di Valenza" (dal nome di quei deliziosi uccelli bianchi chiamati "garzette") e non ci sarebbero i parchi fluviali del Po, tutti e tre, non solo quello di competenza valenzana. Un uomo che ha saputo perfettamente...
 
02.01.2018
Pro Natura Regione Piemonte
Sulla base di una segnalazione circostanziata di Legambiente, cominciano a farsi sentire anche altre associazioni ambientaliste preoccupate per quanto sta succedendo a Casale M.to. La possibilità di poter avere un impianto pilota di studio e sperimentazione sull'energia da "fusione nucleare" ha portato...
12.12.2017
Marco Grimaldi
In data 12 dicembre 2017 l’Assessora Pentenero ha risposto all’interrogazione urgente in merito allo stato dei lavori per il contrasto del dissesto idrogeologico.Fonti giornalistiche hanno infatti riportato che al Piemonte servirebbero 759 interventi, per un valore complessivo di quasi un miliardo e...
 
04.12.2017
AFEVA Casale M.to
Vittoria in Brasile: amianto, STOP dalla Corte Costituzionale!Ci è giunta notizia dall'Associazione delle vittime dell'amianto del Brasile e dalla "pasionaria" Fernanda Giannasi che la Corte Costituzionale brasiliana (Supremo Tribunale Federale) ha dichiarato incostituzionale l'uso dell'amianto in Brasile....
30.11.2017
Piero Belletti
Pubblichiamo con piacere la lettera in questione di cui condividiamo contenuti e motivazioni...Sig. Assessore alla Caccia – Regione Piemonte Caro Assessore, quando lo scorso anno fu presentata la proposta di riequilibrare la rappresentatività dei componenti i Comitati di Gestione degli ATC e dei CA...
 
30.11.2017
Eva Sirinathsinghji & Mae-Wan Ho
Il glifosato ha contaminato terra, acqua, aria e il nostro approvvigionamento alimentare; i livelli massimi consentiti sono aumentati di 100-150 volte nell'Unione europea .......e l'ambiente accumula (...ma non smaltisce...). ... L'uso di erbicidi a base di glifosato, in particolare la formulazione Roundup...
Segnali
Nell’ambito della “Calende e non solo... in musica - Rassegna concertistica internazionale per Chitarra...
Alessandro Gassman e Marco Giallini sul grande schermo ...
Al Teatro Sociale tornano i tanto attesi appuntamenti del Sabato Pomeriggio in Famiglia quest'anno una...
Segnaliamo un articolo comparso sulla rivista economiaepolitica.it in cui si sostiene la tesi che le...
Segnaliamo un interessantissimo articolo di Rosa Canelli e Riccardo Realfonzo sulla crescente disuguaglianza...
Il Forum dei Movimenti per la Terra e il Paesaggio annuncia che il Gruppo di Lavoro Tecnico-Scientifico...
Segnaliamo un interessantissimo articolo del prof. Felice Roberto Pizzuti docente di Politica Economica...
I MARCHESI DEL MONFERRATO NEL 2018 Si è appena concluso un anno particolarmente intenso di attività,...
Stephen Jay Gould Alessandro Ottaviani Scienza Ediesse 2012 Pag. 216 euro 12​ New York, 10 settembre...
Segnaliamo un interessante articolo comparso sulla rivista online economiaepolitica http://www.economiaepolitica.it/lavoro-e-diritti/diritti/scuola-sanita-e-servizi-pubblici/servizio-sanitario-nazionale-a-prezzo-regionale-il-paradosso-del-ticket/...
Segnaliamo, come contributo alla discussione, un interessante articolo comparso sul sito “Le Scienze.it” Link:...
Il Circolo Culturale “I Marchesi del Monferrato” presenta il suo nuovo progetto per il 2018: le celebrazioni...
Segnaliamo un interessante articolo comparso sulla rivista online economiaepolitica http://www.economiaepolitica.it/politiche-economiche/europa-e-mondo/la-ripresa-e-lo-spettro-dellausterita-competitiva/...
DA OGGI IN RETE 2500 SCHEDE SU LUOGHI, MONUMENTI E PERSONAGGI A conclusione di un intenso lavoro, avviato...
Segnaliamo il libro di Agostino Spataro, collaboratore di Cittàfutura su un argomento sempre di estrema...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.