Associazione Città Futura - Logo
Terza Pagina
Come duecento anni fa....
Aydin (*)

Duecento anni fa in provincia le idee rivoluzionarie accolte con ostilità

QUANDO VINCEVA LA REAZIONE

E alla Fraschetta la strage dei giacobini

Alessandria. Quale fu la partecipazione degli alessandrini alla Rivoluzione francese? Per comprenderne il ruolo nei nostri territori, ove arrivò in ritardo più che altro come anelito di pochi intellettuali illuministi, occorre tenere presente alcuni fattori basilari, senza lasciarsi fuorviare  dalle polemiche che a duecento anni di distanza, testimoniano la vitalità di questo evento. La Rivoluzione francese fu l’azione insurrezionale con cui il sistema di produzione capitalista si affermò su quello feudale, permettendo alla nuova classe borghese formata da industriali, banchieri, commercianti, agricoltori avanzati, professionisti, intellettuali di sostituirsi alla nobiltà ed al clero nei centri di potere politico. Sia Giacobini che Girondini, guida ed artefici della Rivoluzione, erano la punta di diamante di una borghesia colta ed agiata. Volete alcuni esempi? Appartenere ad un “club” giacobino costava 24 lire all’anno, cifra elevatissima alla portata di pochi, e quando i beni dei nobili e della Chiesa furono messi all’asta i giacobini ne acquistarono i tre quinti pagando in contanti. Il popolo partecipò intensamente alla Rivoluzione, ma non ne fu mai alla guida, né dall’una né dall’altra parte, fu solo una,massa di manovra. Le città, ricche ed avanzate, parteggiarono per la Rivoluzione, le campagne arretrate per la reazione. Fu così in tutta l’ Europa.  L’alessandrino, area agricola a sottosviluppo, fu per lo più con la reazione che formò bande armate di origine contadina e si legò con il banditismo locale per creare  azioni di guerriglia quando si affermò il potere napoleonico. Vedi il caso di “Maino della Spinetta”, la cui figura morale e storica fu assai simile a quella del bandito Giuliano. Ambedue scaricati ed uccisi quando divennero ingombranti per chi li aveva inventati e protetti. Fu proprio nella Fraschetta, l’area a più basso reddito ed a più elevato livello di analfabetismo della provincia, che si compì la più feroce azione di repressione antirivoluzionaria dell’Alessandrino. Vale la pena di ricordare l’episodio, rifacendoci alla storiografia sabauda, non certo favorevole alla Rivoluzione. Nell’aprile 1798 si radunarono a Carrosio circa un migliaio di Giacobini guidati dal marchese Spinola, convertito alle nuove idee libertarie, nonché da due fuoriusciti piemontesi, Pellissieri e Trombetta, ed un ex frate valenzano, Stefano Comollo. E’ una piccola élite rivoluzionaria proveniente non solo dal Piemonte, ma da tutto il Nord Italia. Alcuni sono nordamericani, reduci dalla loro guerra di Indipendenza, venuti a combattere come”interzionalisti” per l’Europa. Il piccolo gruppo inizia una vera e propria guerriglia conducendo scorrerie militari tra Novi ed Ovada. A Pozzolo catturano il presidio formato da  400 soldati piemontesi. Altri 200 li prendono a Serravalle. Inorgogliti dai successi il 5 luglio cercano di conquistare Alessandria con un colpo di mano, attaccando di sorpresa i presidi di Porta Marengo e Porta Ravanale. Sennonchè il comando sabaudo di Alessandria viene a conoscenza del tentativo,informato da un certo Castellani, un prete fatto infiltrare tra i rivoluzionari. Si decide di tendere loro un agguato. Alla popolazione della Fraschetta,”ferocissima gente e odiatrice dei francesi e di chi  parteggiava per loro” come la descrive impietosamente la storiografia sabauda, vengono distribuite armi nonché la promessa di “lasciare i vinti a sua discrezione”. Ossia di derubarli. L’ignara colonna rivoluzionaria, ancora in ordine di marcia, viene attaccata all’improvviso sul fianco sinistro dalle truppe regolari piemontesi nascoste all’altezza di Spinetta Marengo ,mentre la cavalleria sabauda uscita da Cascinagrossa la prende alle spalle.  La sorpresa riesce pienamente. I Giacobini  scompigliati si rifugiano disordinatamente nei boschi, ove ad attenderli trovano gli abitanti della Fraschetta. E’ un sistematico massacro. Oltre 400 vengono sgozzati, i cadaveri derubati e lasciati nudi, cosa che provoca l’indignazione degli stessi ufficiali piemontesi che smettono l’inseguimento ed intervengono a favore dell’avversario salvando circa 310 uomini. E’ una salvezza relativa, poichè molti saranno in seguito fucilati. Muore in questo modo, ancora nella culla, la nascente borghesia alessandrina e, quel che è peggio, la sua cultura. Questo massacro dà in parte spiegazione del perché Alessandria, al centro dello sviluppo industriale,non lo abbia avuto, se non marginalmente e del perché, ancora oggi, siamo  l’ultima delle province del Nord con una classe dirigente a cultura preindustriale, priva di iniziative, propria di una regione a sottosviluppo. La storia, si sa, ha ragioni antiche.

GUIDO MANZONE   (* uno dei testi raccolti e pubblicati rievoncando il nostro Guido)

LA STAMPA 16-7-89

15/07/2017 00:00:36
comments powered by Disqus
20.03.2018
Aydin (*)
Questa settimana vorremmo proporvi un piccolo gioco: esaminare un episodio della storia alessandrina secondo i metodi analitici della storiografia anglosassone. La scuola storiografica inglese, che personalmente apprezziamo nel modo più assoluto e a cui cerchiamo di adeguarci quando scriviamo, dà molta...
 
17.03.2018
Marina Elettra Maranetto
“Brutto schifo” era la conclusione cui perveniva la mia amica olandese, che non è mai riuscita ad impossessarsi delle sfumature della nostra lingua, riassumendo con tratto ecumenico tutto ciò che la contrariava, dal particolare all’universale. Ed è quel brutto schifo che ogni giorno, come un rigurgito,...
12.03.2018
Marina Elettra Maranetto
Poco le era stato risparmiato perché non s’era risparmiata. Erano le parole di cui si serviva ad aver preso il posto dei sentimenti che le avevano afferrato la vita. Convertita all’età della saggezza, ma peccando d’orgoglio, si compiaceva d’interpretare ciò che l’interlocutore s’aspettava d’ascoltare...
 
11.03.2018
Patrizia Gioia
Questa mattina al teatro Filodrammatici: Libertà e Bellezza con la musica dei paesi: Polonia, Ungheria, Repubblica Ceca e Slovacchia Woody Allen, con la febbrile ironia ebraica, dice che la musica di Wagner gli fa venire voglia di invadere la Polonia. Ascoltando invece la musica polacca e di questi...
04.03.2018
Elvio Bombonato
Via del Campo c'è una graziosa gli occhi grandi color di foglia tutta notte sta sulla soglia vende a tutti la stessa rosa. Via del Campo c'è una bambina con le labbra color rugiada gli occhi grigi come la strada nascon fiori dove cammina. Via del Campo c'è una puttana gli occhi grandi color...
 
28.02.2018
Marina Elettra Maranetto
“Zoccole pentite”, categoria onnicomprensiva che esula dall’accezione comune del termine esprimendo parità di genere. Sono i mutanti di schieramento politico che transumando verso un’altra parte più conveniente ne diventano sostenitori appassionati pensando di riscattarsi. Più realisti del Re,...
28.02.2018
Patrizia Gioia
Cari Amici, non è facile vivere la vecchiaia. Pare assurdo ma arriva come un temporale, previsto ma inaspettato, all'improvviso ti trovi addosso anni come pioggia, dai quali pare impossibile ripararsi, inutile cercare intorno tettoie, ombrelli, ripari, ormai sei bagnata e tutto il tuo corpo e la tua...
 
25.02.2018
Patrizia Gioia
«Gandhi, in una lettera a Sarojini Naidu, si definì una volta scherzosamente “mystic spinner”, ossia “filatore mistico”.Questa sua espressione scherzosa e unica rappresenta un suggerimento centrale per guidarci a ricomprendere noi attraverso la figura del “Mahatma”, il profilo insieme mistico e politico...
25.02.2018
Mauro Fornaro
La crisi della famiglia tradizionale si correla alla crescita delle cosiddette nuove famiglie o “famiglie moderne”. Si tratta di variegate tipologie tutte in crescita negli ultimi decenni pure in Italia: principalmente famiglie ricomposte, cioè formate da due partner che si mettono assieme portando...
 
17.02.2018
Nuccio Lodato
All'indimenticabile memoria di ZEUS, Gatto Nero incomparabile e insuperato [e al Micio Ignoto...
Segnali
Nell’ambito della “Calende e non solo... in musica - Rassegna concertistica internazionale per Chitarra...
Alessandro Gassman e Marco Giallini sul grande schermo ...
Al Teatro Sociale tornano i tanto attesi appuntamenti del Sabato Pomeriggio in Famiglia quest'anno una...
Segnaliamo un articolo comparso sulla rivista economiaepolitica.it in cui si sostiene la tesi che le...
Segnaliamo un interessantissimo articolo di Rosa Canelli e Riccardo Realfonzo sulla crescente disuguaglianza...
Il Forum dei Movimenti per la Terra e il Paesaggio annuncia che il Gruppo di Lavoro Tecnico-Scientifico...
Segnaliamo un interessantissimo articolo del prof. Felice Roberto Pizzuti docente di Politica Economica...
I MARCHESI DEL MONFERRATO NEL 2018 Si è appena concluso un anno particolarmente intenso di attività,...
Stephen Jay Gould Alessandro Ottaviani Scienza Ediesse 2012 Pag. 216 euro 12​ New York, 10 settembre...
Segnaliamo un interessante articolo comparso sulla rivista online economiaepolitica http://www.economiaepolitica.it/lavoro-e-diritti/diritti/scuola-sanita-e-servizi-pubblici/servizio-sanitario-nazionale-a-prezzo-regionale-il-paradosso-del-ticket/...
Segnaliamo, come contributo alla discussione, un interessante articolo comparso sul sito “Le Scienze.it” Link:...
Il Circolo Culturale “I Marchesi del Monferrato” presenta il suo nuovo progetto per il 2018: le celebrazioni...
Segnaliamo un interessante articolo comparso sulla rivista online economiaepolitica http://www.economiaepolitica.it/politiche-economiche/europa-e-mondo/la-ripresa-e-lo-spettro-dellausterita-competitiva/...
DA OGGI IN RETE 2500 SCHEDE SU LUOGHI, MONUMENTI E PERSONAGGI A conclusione di un intenso lavoro, avviato...
Segnaliamo il libro di Agostino Spataro, collaboratore di Cittàfutura su un argomento sempre di estrema...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.