Associazione Città Futura - Logo
Terza Pagina
Sulla "Filosofia della Nascita"
Francesco Roat


 

L’idea che il nascere sia una maledizione è vecchia quanto la filosofia occidentale e la precorre; si pensi solo al mito del Sileno ‒ ritenuto precettore del dio Dioniso ‒ che al re Mida, desideroso di sapere quale fosse per l’uomo il meglio, rispose: il non esser mai nato e, comunque, il morire al più presto. Per non parlare dell’orrore della nascita nella tragedia greca, soprattutto in Eschilo e in Sofocle. Una visione pessimistica intorno all’esistere fatta propria da vari ed illustri filosofi ellenici (Zenone, Anassimandro, Eraclito, Empedocle, Plotino), che verrà ripresa nel mondo romano (Lucrezio, Petronio), e quindi nel pur variegato panorama del pensiero medioevale, persino in ambito cristiano (gnosi), per tornare presente ‒ nella modernità ‒ soprattutto nell’Ottocento (Schopenhauer, Kierkegaard, Leopardi) e nel Novecento (Cioran, Anders): secolo dominato da una sorta di tanatologia filosofica. Valga per tutte la celeberrima concezione heideggeriana dell’esserci umano (Dasein) quale un “essere-per-la-morte” (Sein zum Tode), non già per la vita.

Ed è soprattutto guardando allo scorso secolo, ma non solo, che il saggio di Silvano Zucal, intitolato Filosofia della nascita (Morcelliana), dopo aver preso in esame i filosofi della morte come condizione ontologica fondamentale, cerca di esplorare quello da lui chiamato: “un paradigma alternativo, non più focalizzato sulla morte ma piuttosto sulla nascita”. Tale attenzione all’evento primo e fondante di ogni esistenza è stata rivolta in primo luogo da figure femminili (materne?), come Hannah Arendt e Maria Zambrano, alle quali Zucal concede ampio spazio, non scordando certo di soffermarsi sul pensatore che, a suo avviso, più di altri ha dedicato una riflessione eminentemente teoretica all’evento natale, ossia il filosofo tedesco Peter Sloterdijk;  senza tralasciare di mettere in luce, sullo stesso argomento, anche i contributi ‒ tra teologia e filosofia ‒ di Romano Guardini, specie quanto concerne la tematica nascita-rinascita ed il significato della resurrezione cristica.

Non a caso da talune visioni tragico-pessimistiche intorno all’umano nascimento presenti nella cultura ebraica ed anche nell’Antico Testamento (Geremia, Giobbe, Giona, Qoèlet), la prospettiva muta radicalmente nel Nuovo Testamento, dove, ci ricorda Zucal: “Tutto parte dall’annuncio di una nascita e dall’evento di una nascita”, ovvero dallo scandalo di Betlemme, dove è “un Dio che nasce e si fa uomo”. Ma, accennavo sopra, la parte più felice di questo bel saggio del nostro professore di filosofia teoretica e filosofia della religione all’Università di Trento, è a mio avviso quella intorno alle due donne che nel Novecento hanno cercato di rivalutare/rivedere in una luce nuova/alternativa il positivo evento natale come condizione di libertà e creatività.

Vedi in primo luogo Hannah Arendt che, a differenza di Heidegger ‒ di cui fu pure allieva e amante ‒, non vede tanto l’uomo drammaticamente gettato nel mondo quanto piuttosto accolto: da una figura genitoriale quanto meno, senza la quale paradossalmente il neonato non potrebbe nemmeno nascere davvero come persona, mancandogli un tu da riconoscere e tramite cui essere riconosciuto/introdotto nel mondo degli umani. Così alla “cifra luttuosa” heideggeriana, si contrappone quella vivifica arendtiana che vede nella natalità un vero e proprio miracolo stupefacente che consente ogni volta un nuovo inizio, la possibilità di dar luogo a qualcosa di aurorale/originale, inedito, unico. Così il gesto del nascere esprime al contempo la speranza/fiducia in una realtà tutta da sperimentare, innovare, costruire, essendo eminentemente evento cairotico: inaugurale/opportuno e propizio. L’uomo, infatti, secondo Arendt, è capace di uno straordinario potere, dalle caratteristiche divine, quello appunto di creare l’innovazione, la trasformazione, quindi di cambiare il mondo.

Ma è Maria Zambrano, a detta di Zucal, la pensatrice novecentesca che dovrebbe essere chiamata la filosofa della nascita per antonomasia, giacché il suo modo di porsi può venire inteso quale un inesausto e gioioso ringraziamento/gradimento per il dono della vita, che abbiamo ricevuto gratis. E l’esistenza, per Zambrano, è dimensione entro cui ogni giorno rinascere, ad ogni occasione o svolta della vita ‒ sia essa da noi considerata negativa che positiva ‒, tornare a nascere risvegliandoci da qualsiasi notte burrascosa o tranquilla essa sia stata. Ciò non significa affatto banale ottimismo/vitalismo. Se consideriamo la vita di questa grade figura di donna segnata duramente dalla malattia e dall’esilio non possiamo minimamente pensare ciò. Inoltre, ricominciare di continuo è cosa ardua per tutti e di conseguenza, sottolinea Zucal: “si può sempre rinascere, anche se portare a compimento il proprio essere non è mai un trionfo, ma sempre e piuttosto una difficile e sofferta esperienza vissuta di auto-spogliazione”.

Non si può d’altra parte, afferma Zambrano, rinascere senza nudità, ossia senza venire incessantemente privati di quanto indossiamo e costretti, prima o tardi, a disfarci del troppo certo e sicuro che abbiamo accumulato. Ma è necessario trovare il coraggio di accettare, quando le circostanze ci spingano a farlo, tale nudità, che deve tuttavia essere preludio a una nuova veste, a una ripresa dell’itinerario esistenziale senza stelle fisse all’orizzonte, fondamenti o certezze cui ancorarci. È il cammino spirituale del nomade mistico che a nulla si aggrappa e tutto accoglie/accetta, facendo proprio il suo destino senza angoscia mediante un sì fiducioso alla vita ed alla rinascita quotidiana che solo i superficiali possono interpretare come passività o fatalismo.

13/11/2017 19:51:15
comments powered by Disqus
20.03.2018
Aydin (*)
Questa settimana vorremmo proporvi un piccolo gioco: esaminare un episodio della storia alessandrina secondo i metodi analitici della storiografia anglosassone. La scuola storiografica inglese, che personalmente apprezziamo nel modo più assoluto e a cui cerchiamo di adeguarci quando scriviamo, dà molta...
 
17.03.2018
Marina Elettra Maranetto
“Brutto schifo” era la conclusione cui perveniva la mia amica olandese, che non è mai riuscita ad impossessarsi delle sfumature della nostra lingua, riassumendo con tratto ecumenico tutto ciò che la contrariava, dal particolare all’universale. Ed è quel brutto schifo che ogni giorno, come un rigurgito,...
12.03.2018
Marina Elettra Maranetto
Poco le era stato risparmiato perché non s’era risparmiata. Erano le parole di cui si serviva ad aver preso il posto dei sentimenti che le avevano afferrato la vita. Convertita all’età della saggezza, ma peccando d’orgoglio, si compiaceva d’interpretare ciò che l’interlocutore s’aspettava d’ascoltare...
 
11.03.2018
Patrizia Gioia
Questa mattina al teatro Filodrammatici: Libertà e Bellezza con la musica dei paesi: Polonia, Ungheria, Repubblica Ceca e Slovacchia Woody Allen, con la febbrile ironia ebraica, dice che la musica di Wagner gli fa venire voglia di invadere la Polonia. Ascoltando invece la musica polacca e di questi...
04.03.2018
Elvio Bombonato
Via del Campo c'è una graziosa gli occhi grandi color di foglia tutta notte sta sulla soglia vende a tutti la stessa rosa. Via del Campo c'è una bambina con le labbra color rugiada gli occhi grigi come la strada nascon fiori dove cammina. Via del Campo c'è una puttana gli occhi grandi color...
 
28.02.2018
Marina Elettra Maranetto
“Zoccole pentite”, categoria onnicomprensiva che esula dall’accezione comune del termine esprimendo parità di genere. Sono i mutanti di schieramento politico che transumando verso un’altra parte più conveniente ne diventano sostenitori appassionati pensando di riscattarsi. Più realisti del Re,...
28.02.2018
Patrizia Gioia
Cari Amici, non è facile vivere la vecchiaia. Pare assurdo ma arriva come un temporale, previsto ma inaspettato, all'improvviso ti trovi addosso anni come pioggia, dai quali pare impossibile ripararsi, inutile cercare intorno tettoie, ombrelli, ripari, ormai sei bagnata e tutto il tuo corpo e la tua...
 
25.02.2018
Patrizia Gioia
«Gandhi, in una lettera a Sarojini Naidu, si definì una volta scherzosamente “mystic spinner”, ossia “filatore mistico”.Questa sua espressione scherzosa e unica rappresenta un suggerimento centrale per guidarci a ricomprendere noi attraverso la figura del “Mahatma”, il profilo insieme mistico e politico...
25.02.2018
Mauro Fornaro
La crisi della famiglia tradizionale si correla alla crescita delle cosiddette nuove famiglie o “famiglie moderne”. Si tratta di variegate tipologie tutte in crescita negli ultimi decenni pure in Italia: principalmente famiglie ricomposte, cioè formate da due partner che si mettono assieme portando...
 
17.02.2018
Nuccio Lodato
All'indimenticabile memoria di ZEUS, Gatto Nero incomparabile e insuperato [e al Micio Ignoto...
Segnali
Nell’ambito della “Calende e non solo... in musica - Rassegna concertistica internazionale per Chitarra...
Alessandro Gassman e Marco Giallini sul grande schermo ...
Al Teatro Sociale tornano i tanto attesi appuntamenti del Sabato Pomeriggio in Famiglia quest'anno una...
Segnaliamo un articolo comparso sulla rivista economiaepolitica.it in cui si sostiene la tesi che le...
Segnaliamo un interessantissimo articolo di Rosa Canelli e Riccardo Realfonzo sulla crescente disuguaglianza...
Il Forum dei Movimenti per la Terra e il Paesaggio annuncia che il Gruppo di Lavoro Tecnico-Scientifico...
Segnaliamo un interessantissimo articolo del prof. Felice Roberto Pizzuti docente di Politica Economica...
I MARCHESI DEL MONFERRATO NEL 2018 Si è appena concluso un anno particolarmente intenso di attività,...
Stephen Jay Gould Alessandro Ottaviani Scienza Ediesse 2012 Pag. 216 euro 12​ New York, 10 settembre...
Segnaliamo un interessante articolo comparso sulla rivista online economiaepolitica http://www.economiaepolitica.it/lavoro-e-diritti/diritti/scuola-sanita-e-servizi-pubblici/servizio-sanitario-nazionale-a-prezzo-regionale-il-paradosso-del-ticket/...
Segnaliamo, come contributo alla discussione, un interessante articolo comparso sul sito “Le Scienze.it” Link:...
Il Circolo Culturale “I Marchesi del Monferrato” presenta il suo nuovo progetto per il 2018: le celebrazioni...
Segnaliamo un interessante articolo comparso sulla rivista online economiaepolitica http://www.economiaepolitica.it/politiche-economiche/europa-e-mondo/la-ripresa-e-lo-spettro-dellausterita-competitiva/...
DA OGGI IN RETE 2500 SCHEDE SU LUOGHI, MONUMENTI E PERSONAGGI A conclusione di un intenso lavoro, avviato...
Segnaliamo il libro di Agostino Spataro, collaboratore di Cittàfutura su un argomento sempre di estrema...
News dai media nazionali:
Ultime Notizie
facebook
"Citta` Futura on-line" è la testata giornalistica dell`associazione Citta` Futura registrata 
in data 20 gennaio 2012 con atto n°1 presso il Registro della Stampa del Tribunale di Alessandria.
Redazione Mobile:  +39.3351020361 (SMS e MMS)  - Email: cittafutura.al@gmail.com 

Oltre le informazioni. Opinione ed approfondimento.